Alfa Romeo, la sfida tecnologica del Biscione

Svelati per la prima volta i segreti della rinomata dinamica di guida Alfa Romeo con un evento originale tra workshop tecnici e sessioni di guida specifiche presso la pista di Balocco. Un viaggio alla scoperta delle più innovative ed esclusive soluzioni tecnologiche che rendono ancora più esaltante l’esperienza di guida a bordo della nuova generazione Alfa Romeo

Se siete convinti che non sia possibile racchiudere un’emozione in una formula matematica passate da Balocco. Impianti di prova FCA. Prendete il caffè con gli ingegneri e i piloti dell’Alfa Romeo. E poi salite al volante di una Giulia o di una Stelvio. Meglio in una giornata di pioggia forte. Pista impossibile, tanto per intenderci. Avete cambiato idea? Ovvio. Siete al volante di automobili eccezionali. E rispetto alle altre vetture “premium”, che sicuramente avrete provato, queste hanno una componente in più: l’emozione. Quell’emozione di guida che è una prerogativa storica delle grandi sportive italiane: Maserati, Ferrari, Alfa Romeo. Automobili che hanno la capacità di emozionare scritta nel dna di una meccanica sopraffina. Come le Alfa Giulia e Stelvio che abbiamo provato sulla pista di balocco, sotto il diluvio universale.

"Basta sedersi a bordo di Giulia o Stelvio per capire che si sta per entrare in una dimensione diversa –ci spiegano gli uomini del Biscione in aula nella sezione di briefing- dove il fulcro di queste creazioni meccaniche è il guidatore, con le sue emozioni e la sua voglia di una guida esaltante. Merito della precisione dello sterzo, della risposta dell’acceleratore e delle reazioni immediate del cambio e dei freni. A queste caratteristiche si deve aggiungere la scelta della trazione posteriore o integrale che non è solo un tributo alle radici più autentiche del mito Alfa Romeo, ma anche una soluzione tecnica che assicura prestazioni elevate e grande divertimento. Dunque, l’esaltante esperienza di guida che si vive al volante di una vettura Alfa Romeo è una piacevole sorpresa anche per il driver più esigente ed esperto".

Le “lezioni” in aula e le sessioni di guida in pista per svelare i segreti della rinomata dinamica di guida Alfa Romeo sono organizzati in quattro workshop che approfondiscono, ad esempio, il grado d’innovazione della trazione integrale con tecnologia Q4, progettata per gestire la trazione del veicolo al fine di garantire il massimo livello in termini di prestazioni, efficienza e sicurezza. In estrema sintesi, il sistema assicura tutti i vantaggi della trazione integrale e, allo stesso tempo, garantisce consumi ridotti, reattività e tutto il piacere di guida di un'auto a trazione posteriore. Inoltre le versioni con trazione integrale Q4 possono essere completate con il differenziale posteriore autobloccante meccanico Q2, che enfatizza l’agilità e il carattere sportivo garantendo una trazione perfetta per un’esperienza di guida indimenticabile.

Un altro sistema esclusivo del marchio è l’innovativo Integrated Brake System (IBS), il sistema che abbina il controllo di stabilità con il tradizionale servofreno garantendo una risposta istantanea del freno. Molto interessante la tecnologia Active Torque Vectoring, lo stato dell’arte per raggiungere la massima motricità per un’auto sportiva. In dettaglio, le due frizioni, contenute nel differenziale posteriore, consentono di controllare separatamente la coppia per ciascuna ruota. In questo modo, la trasmissione della potenza a terra migliora anche in situazioni di guida al limite.

Come tutti gli altri sistemi di controllo attivi, anche questo è gestito dallo Chassis Domain Control: un'unica “intelligenza” centrale della vettura realizzata per gestire in tempo reale ed in modo armonico tutti i dispositivi elettronici che intervengono sul comportamento stradale. Il ciclo in aula si conclude con una panoramica sulle sospensioni dotate di tecnologia esclusiva Alfa Link che garantisce un handling elevato combinato ad un comfort eccellente. A richiesta sono disponibili le sospensioni attive Alfa Active Suspension a controllo elettronico, che si adattano istante per istante alla condizioni di guida.

Per questa intensa giornata di “emozioni tecnologiche”, Alfa Romeo ha collaborato con alcuni dei suoi partner: Sparco (sedili sportivi e componentistica in carbonio per le Giulia e Stelvio Quarifoglio), Pirelli ed i piloti-istruttori professionisti del Centro Internazionale Guida Sicura di Andrea de Adamich che ci hanno affiancato con pazienza, simpatia e professionalità nelle esercitazioni di guida in pista.

 

 

 

 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata