Nuvole, pioggia e nebbia: il meteo 3 e 4 dicembre

Le previsioni del servizio meteorologico dell'aeronautica militare

Le previsioni del servizio meteorologico dell'aeronautica militare per lunedì 3 dicembre in Italia.

Nord: da parzialmente nuvoloso a nuvoloso su tutte le regioni, con deboli precipitazioni associate su Valle d'Aosta e Lombardia orientale. Tendenza a un generale miglioramento con l'esclusione dei rilievi valdostani dove i fenomeni saranno persistenti e a carattere nevoso oltre i 2000 metri. Foschie dense e locali banchi di nebbia in Pianura padana, in parziale dissolvimento nelle ore centrali della giornata. 

Centro e Sardegna: nubi sparse sul settore centro-occidentale dell'isola e velature sulle restanti aree; nuvolosità estesa sulle regioni peninsulari con deboli precipitazioni associate e qualche rovescio più consistente su alta Toscana e Lazio centro-meridionale. Locali banchi di nebbia al primo mattino e dopo il tramonto sulle vallate.

Sud e Sicilia: da parzialmente nuvoloso a nuvoloso sull'isola con possibilità di deboli precipitazioni sulle aree settentrionali; fino al mattino parzialmente nuvoloso sulle aree ioniche peninsulari ma nubi in rapida intensificazione altrove con rovesci e temporali sparsi che dalla Campania si estenderanno ai settori tirrenici di Basilicata e Calabria, mentre precipitazioni meno consistenti e di debole intensità interesseranno fino al tardo pomeriggio il restante meridione.

Temperature: minime stazionarie on lievissima flessione sul Friuli-Venezia Giulia e al Sud; in generale aumento sul resto della penisola, più marcato su regioni centrali e arco alpino. Massime in lieve calo su Lazio meridionale, aree tirreniche di Campania, Basilicata e Calabria e sulla Sicilia meridionale; stazionarie su Puglia salentina, Calabria ionica e Sicilia centro-settentrionale; in lieve aumento sul resto del Paese, più deciso sui rilievi della catena alpina. 

Le previsioni del servizio meteorologico dell'aeronautica militare per martedì 4 dicembre in Italia.

Nord: nubi basse e stratiformi sulle aree pianeggianti, in parziale diradamento e sollevamento nelle ore centrali della giornata; bel tempo altrove, salvo residui annuvolamenti mattutini sulle aree alpine, con qualche fiocco di neve associato atteso sulle cime confinali più alte. Al primo mattino e dopo il tramonto formazione di foschie dense o locali banchi di nebbia sulla Pianura padana e lungo le aree costiere adriatiche.

Centro e Sardegna: al mattino nuvolosità diffusa sulle regioni peninsulari, con qualche occasionale debole piovasco; cielo sereno o poco nuvoloso sull'isola. Dalla tarda mattinata graduale diradamento della nuvolosità, a partire dalle regioni tirreniche e contestuale aumento delle velature sull'isola. In serata cielo velato sulla Sardegna e poco nuvoloso sul resto del Centro.

Sud e Sicilia: molte nubi compatte al primo mattino su regioni peninsulari e settore settentrionale dell'isola con deboli precipitazioni sparse a prevalente carattere di rovescio o temporale attese sulle aree tirreniche di Campania, Basilicata e Calabria, nonchè sulla Sicilia nordorientale; seguirà nella seconda parte della mattinata una attenuazione dei fenomeni con schiarite decise su Campania e Puglia garganica. Dal pomeriggio nuovo aumento della nuvolosità sulle regioni adriatiche, con in serata nuovo maltempo diffuso su Molise e Puglia.

Temperature: minime in flessione sui rilievi alpini confinali e in Pianura padana, in aumento altrove; massime generalmente stazionarie sulla Pianura padana centrorientale, lungo le aree costiere delle regioni adriatiche e sulla Sardegna, in aumento altrove. 

 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata