Meteo, peggioramento sul medio Adriatico e a sud: aria fredda dai Balcani

Temperature in calo a San Silvestro e Capodanno

Nelle prossime ore l'alta pressione mostrerà dei segni di cedimento sul suo lato orientale: in questa domenica, infatti - spiegano i meteorologi del Centro Epson Meteo - qualcosa inizierà a cambiare con un primo veloce peggioramento del tempo atteso dal pomeriggio sul medio Adriatico e al Sud, a causa del passaggio della coda di una perturbazione nord atlantica (la n.11 di dicembre) in discesa verso i Balcani, ma in grado di influenzare il tempo anche sul nostro territorio. L'instabilità proseguirà anche nell'ultimo giorno dell'anno, con un nuovo impulso di aria fredda sulle regioni centrali adriatiche e su quelle meridionali proprio tra il pomeriggio di San Silvestro e la mattina di Capodanno. Questi settori saranno interessati da un sensibile calo delle temperature, un marcato rinforzo dei venti di Tramontana e dalla comparsa della neve nei settori appenninici fino a quote collinari. Più contenuto sarà il calo termico al Nord dove, come nota positiva, ci sarà una notevole riduzione delle nebbie e della concentrazione di inquinanti. Nella seconda parte di mercoledì 2 gennaio un fronte di aria decisamente fredda in discesa da latitudini artiche si affaccerà a ridosso delle Alpi e sul settore adriatico, per poi propagarsi tra giovedì e venerdì a tutta l'Italia,  accompagnato da intensi venti settentrionali che accentueranno il raffreddamento".

Domenica - Giornata abbastanza soleggiata su gran parte delle regioni, con cielo a tratti velato o parzialmente nuvoloso per il passaggio di nubi alla media e alta quota. Dal punto di vista delle precipitazioni segnaliamo deboli nevicate nell'estremo nord dell'Alto Adige. Tra tardo pomeriggio e sera tendenza al peggioramento sul medio Adriatico e al Sud, con alcune precipitazioni più insistenti su Abruzzo meridionale, Molise e Calabria. Qualche pioggia anche nel nord della Puglia, la sera piogge e rovesci sul nord della Sicilia. Sull'Appennino centro-meridionale fiocchi di neve fino a 1000-1200 metri di quota. Temperature massime in aumento al Nord-Ovest in pianura, su Emilia e Toscana; in lieve calo sul medio Adriatico e al Sud. Venti da deboli a moderati nord-occidentali, Foehn nelle valli alpine e al Nord-Ovest. La nostra previsione per oggi ha un Indice di Affidabilità medio (IdA tra 75 e 85).

Lunedì - Ultimo giorno dell'anno con cielo sereno o poco nuvoloso su gran parte del Nord, sul settore tirrenico fino alle coste della Campania e in Sardegna. Al mattino ci saranno a tratti deboli nevicate sul nord dell'Alto Adige. Il medio Adriatico e le regioni meridionali, invece, saranno interessati da un consistente afflusso di aria fredda dai Balcani, specie dalla sera, sospinta da venti di Tramontana in graduale intensificazione, con raffiche che nella notte potrebbero raggiungere i 60-70 km/h. In queste regioni la nuvolosità sarà variabile, con locali precipitazioni principalmente sulle regioni adriatiche, nel nord-est della Calabria, nel nord-est della Sicilia e a sull'Appennino meridionale. Il limite delle nevicate calerà progressivamente dai 900 metri del mattino fino a 400-500 metri in serata. Temperature in calo sul medio Adriatico e al Sud.

I prossimi giorni - Nella mattinata di martedì primo gennaio rapido miglioramento con le ultime precipitazioni soltanto sul nord-est della Calabria e nel nord della Sicilia, col limite della neve oltre 600-900 metri. Nel resto del Sud e sul medio Adriatico soltanto nuvole in attenuazione. Schiarite già ampie nel resto d'Italia con cielo sereno o poco nuvoloso e la possibilità di qualche banco di nebbia all'alba lungo il Po tra Alessandrino, bassa Lombardia ed Emilia. Temperature quasi ovunque in calo, con un clima più freddo che al Sud sarà accentuato da intensi venti di Tramontana fino a forti su Puglia meridionale e settori ionici.  Le temperature caleranno sensibilmente sul medio Adriatico e in tutto il Sud, dove gli intensi venti di Tramontana accentueranno molto la sensazione di freddo. Nel resto del Paese il calo termico sarà più contenuto. Nella seconda parte di mercoledì 2 gennaio un fronte di aria decisamente fredda in discesa da latitudini artiche si affaccerà a ridosso delle Alpi e sul settore adriatico, per poi propagarsi tra giovedì e venerdì a tutta l'Italia,  accompagnato da intensi venti settentrionali che accentueranno il raffreddamento. Il clima risulterà ovunque invernale ma con effetti più marcati, sia in termini di calo termico che di fenomeni, sulle regioni del medio Adriatico e al Sud. Mercoledì prime precipitazioni lungo il medio-basso Adriatico e nelle regioni del basso Tirreno. Sull'Appennino centrale prime nevicate con limite inizialmente oltre 900-1000 metri ma con quota in rapido calo già a fine giornata.

Il culmine del raffreddamento è atteso tra giovedì e venerdì, quando lungo l'Adriatico tra il sud delle Marche e la Puglia e nel settore dell'alto Ionio le nevicate, per lo più deboli e intermittenti, potranno raggiungere anche le coste. Neve a quote decisamente basse anche nell'immediato entroterra della Calabria meridionale e del nord della Sicilia. Per conferme e ulteriori particolari seguiteci nei prossimi aggiornamenti.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata