Meteo, miglioramenti nel weekend ma in arrivo nuova aria fredda

Le temperature risaliranno sensibilmente su tutte le regioni. Ma sarà solo temporanea

Gli effetti della corposa irruzione di aria fredda di origine artica che hanno investito l’Italia andranno esaurendosi nel corso del fine settimana. Le temperature risaliranno sensibilmente su tutte le regioni e domenica si attenuerà anche il freddo notturno. Questa fase più tiepida, spiegano i meteorologi del Centro Epson Meteo, sarà però solo temporanea. Tra la fine di domenica e l’inizio della prossima settimana un nuovo nucleo di aria decisamente fredda diretta verso i Balcani tornerà a lambire le regioni adriatiche e meridionali provocando un nuovo raffreddamento, ma con effetti scarsi in termini di precipitazioni.

Sabato il tempo andrà migliorando sul medio Adriatico e al Sud con le ultime deboli e locali precipitazioni, con quota neve ancora bassa ma in rialzo, possibili su Molise, nord della Puglia, Reggino e nord della Sicilia. Qualche breve pioggia possibile anche sulla Sardegna occidentale e, dalla sera, nel resto della Puglia. Al Nord un po’ di nuvole interesseranno le Alpi centro-orientali con neve possibile in Alto Adige e in Valtellina; schiarite ancora piuttosto ampie al Nord e sul medio Tirreno in estensione al versante adriatico. In serata nuvole di nuovo in aumento al Centro. Temperature in aumento nelle massime; inizio di giornata ancora decisamente freddo, in particolare nelle zone innevate. Ancora ventoso al Sud e in Sicilia; rinforzi di Foehn anche nelle Alpi e pianure adiacenti.

Nella giornata dell’Epifania prevarranno le schiarite in gran parte del Centro-Nord e su Campania, nord-ovest della Calabria e Sardegna orientale. Faranno eccezione solo il nord dell’Alto Adige, dove sarà possibile anche qualche fiocco di neve, e la Toscana e l’Umbria occidentale, dove saranno possibili strati di nubi basse con qualche nebbia mattutina. Nel resto del Sud e delle Isole nuvolosità sparsa, associata inizialmente a qualche locale pioggia su Puglia, sud della Calabria e nord della Sicilia. Dal tardo pomeriggio nubi in aumento sul medio-basso Adriatico con locali precipitazioni, nevose in serata nelle zone appenniniche dall’Abruzzo fino alla Lucania oltre i 900-1000 metri. Temperature in generale rialzo sia nelle minime che nelle massime. Venti di Maestrale fino a moderati su medio e basso Adriatico, Ionio e canali delle Isole; Foehn anche intenso nelle valli alpine e al Nord-Ovest.

Tra la fine di domenica e l’inizio della prossima settimana un nuovo afflusso di aria fredda proveniente dai Balcani coinvolgerà le regioni adriatiche e quelle meridionali. Sarà collegato a un nuovo significativo calo delle temperature, ma avrà effetti scarsi in termini di precipitazioni. Lunedì qualche breve precipitazione sarà possibile in giornata solo su Abruzzo e Molise, mentre altrove solo nuvolosità sparsa. Ancora molte le schiarite sul settore tirrenico e in gran parte del Nord. Tra martedì e mercoledì le temperature torneranno a rialzarsi per l’afflusso di aria inizialmente più mite, che però sarà collegata anche ai primi effetti di una perturbazione che coinvolgerà l’Italia nei giorni centrali della settimana. Questa perturbazione, in discesa dal nord Atlantico, tra la seconda parte di martedì e la giornata di giovedì determinerà un peggioramento al Centro-Sud a iniziare dal settore tirrenico. Al Nord la protezione dell’arco alpino limiterà i fenomeni a qualche nevicata lungo le Alpi di confine.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata