Pioggia, nuvole e temperature in calo: il meteo del 20 e 21 settembre

Le previsioni del servizio dell'aeronautica militare

Le previsioni del servizio meteorologico dell'aeronautica militare per la giornata di giovedì 20 settembre in Italia.

Nord: poche nubi sparse e prevalente soleggiamento, con isolate foschie e locali banchi di nebbia al primo mattino sulle pianure e qualche nube in più nel pomeriggio sui rilievi in genere. 

Centro e Sardegna: tempo perturbato sulla Sardegna, con fenomeni diffusi a prevalente carattere di rovescio o temporale che potranno anche risultare intensi sul settore orientale, in miglioramento serale su quello occidentale; su Marche meridionali, Abruzzo e Lazio molte nubi con precipitazioni da isolate a sparse, localmente temporalesche, mentre sulle restanti aree la nuvolosità sarà più frammentata e meno consistente e potrà dar luogo a qualche occasionale piovasco sui settori meridionali di Toscana e Umbria, con situazione in generale miglioramento serale.

Sud e Sicilia: cielo molto nuvoloso o coperto sulla Sicilia con precipitazioni a prevalente carattere di rovescio o temporale anche localmente intense; isolate piogge e locali temporali su Molise e Puglia settentrionale e iniziali condizioni di variabilità sul resto del sud, ma con nubi in generale aumento mattutino e che dalla tarda mattina/metà giornata daranno luogo a precipitazioni sparse, localmente temporalesche, comunque più consistenti su aree interne e rilievi in genere. Generale miglioramento serale a eccezione della Sicilia dove i fenomeni si attenueranno solo parzialmente e temporaneamente. 

Temperature: minime in calo sull'Emilia-Romagna orientale e stazionarie sul resto d'Italia; massime in diminuzione su Sardegna, Sicilia, Molise e Puglia, in aumento su Emilia-Romagna orientale, nord Marche, Lazio e settori occidentali di Toscana e Campania. Venti: moderati settentrionali sulla Sardegna e da deboli a moderati meridionali sulla Sicilia, con raffiche anche forti durante i temporali; mediamente deboli sul resto d'Italia: dai quadranti settentrionali al nord e sulle regioni adriatiche con locali rinforzi sulla Liguria, in prevalenza da quelli orientali sul restante territorio con locali rinforzi sulle coste di Toscana, Lazio e Campania. Mari: molto mosso il settore ovest del Tirreno centro-meridionale con moto ondoso in aumento fino a localmente molto agitato; da mosso a molto mosso il settore est del Tirreno centrale; mossi alto Tirreno e mare di Sardegna; da poco mossi a localmente mossi canale di Sardegna, stretto di Sicilia, Tirreno sud-orientale e mar Ligure, tendenti a poco mosso il mar ligure e a generalmente mossi gli altri tre; poco mossi l'Adriatico e lo Jonio.

Le previsioni del servizio meteorologico dell'aeronautica militare per la giornata di venerdì 21 settembre in Italia.

Nord: nubi compatte sulle aree alpine con qualche debole rovescio o temporale atteso dal pomeriggio sui rilievi maggiori; cielo generalmente sereno o velato sulla Pianura Padana, con locali foschie dense al primo mattino.

Centro e Sardegna: sull'isola persistono condizioni di maltempo che sul settore orientale si protrarrà fino a sera, mentre sul resto della regione ampie schiarite si affacceranno già dal pomeriggio a partire dal settore nordoccidentale. Poche nubi sulle regioni peninsulari in temporaneo aumento tra tarda mattinata e pomeriggio con rovesci e qualche temporale a ridosso della dorsale appenninica.

Sud e Sicilia: condizioni di tempo instabile sull'isola con rovesci e temporali, in particolar modo sul settore occidentale dove risulteranno intensi. Nubi sparse sulle altre regioni in temporanea intensificazione diurna associate ad attività temporalesca pomeridiana sulla aree appenniniche.

Temperature: minime in lieve calo al centro peninsulare e sulle regioni ioniche; stazionarie altrove; massime in aumento sulle regioni centrali, Molise e Puglia; in calo su Friuli-Venezia Giulia, più deciso sulla Sicilia; senza variazione di rilievo altrove. Venti: da moderati a localmente forti nordorientali sulla Sardegna e meridionali sulla Sicilia; boli variabili al nord; generalmente deboli di direzione variabile sul resto del Paese con prevalenza del regime di brezza al centro-sud peninsulare. Mari: da molto mossi ad agitato il mare e canale di Sardegna; da mosso a molto mosso il Tirreno meridionale ad ovest e lo stretto di Sicilia; mossi gli altri bacini occidentali; poco mossi Adriatico e Ionio.

 

 

 

 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata