Le previsioni del 7 e 8 gennaio: rischio nebbia al Nord
Le previsioni del 7 e 8 gennaio: rischio nebbia al Nord

Le previsioni dell'Aeronautica militare

Le previsioni per martedì 7 gennaio sull'Italia.

Nord: sereno o poco nuvoloso salvo parziali e temporanei annuvolamenti per nubi poco significative con addensamenti più compatti sulle aree di confine alpine centro-orientali e sulla Liguria; nebbie in banchi sulla pianura padana persisteranno durante il giorno attenuandosi solo parzialmente durante le ore centrali, in nuova intensificazione dopo il tramonto.

Centro e Sardegna: sereno o poco nuvoloso ma con nubi in aumento nel corso della giornata sulla Toscana, Sardegna e dalla sera su Marche ed Abruzzo.

Sud e Sicilia: sereno o poco nuvoloso salvo locali annuvolamenti sulle coste del Molise, Puglia nord ed aree appenniniche; a fine giornata nubi in aumento in prevalenza medio-alte stratiformi sull'area tirrenica.

Temperature: minime in lieve calo; massime in generale aumento più deciso al centro-sud, più contenuto sulle aree alpine e prealpine, in diminuzione in pianura padana.

Le previsioni dell'Aeronautica militare per l'8 gennaio sull'Italia.

Nord: condizioni di bel tempo seppur con formazione di foschie dense e banchi nebbia sulle aree pianeggianti in temporaneo dissolvimento nelle ore centrali della giornata.

Centro e Sardegna: sulla Sardegna cielo molto nuvoloso o coperto con piogge e rovesci diffusi sul settore orientale e meridionale; dal pomeriggio graduale miglioramento a partire dal versante occidentale, mentre le precipitazioni si ridurranno solamente in serata. Ampio soleggiamento e scarsissima nuvolosità altrove.

Sud e Sicilia: copertura nuvolosa diffusa su sicilia e regioni tirreniche con piogge mattutine sul settore occidentale dell'isola; seguiranno aperture sempre più ampie a partire dalle aree peninsulari. Cielo sereno od al più poco nuvoloso sul restante territorio.

Temperature: minime in flessione su rilievi alpini e Trentino-Alto Adige, stazionarie su pianura padana e marche, in rialzo altrove; massime in calo su alpi, prealpi, appenninico abruzzese e Sardegna orientale; in aumento su pianura padano-veneta, appennino toscano, Umbria, Lazio, Campania settentrionale, Calabria, Puglia e Sicilia centrorientale; senza variazioni di rilievo sul resto del paese.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata