Il meteo del 13 e 14 febbraio, in arrivo la pioggia: San Valentino bagnato
Il meteo del 13 e 14 febbraio, in arrivo la pioggia: San Valentino bagnato

Le previsioni dell'Aeronautica militare

Le previsioni per giovedì 13 febbraio in Italia, secondo il servizio meteo dell'Aeronautica militare.

Al Nord: cielo inizialmente quasi sereno o con alte velature ma tendenza a un graduale peggioramento a partire dal settore occidentale; nevicate dal pomeriggio sulle Alpi occidentali, in estensione a quelle orientali con quota neve a partire dai 700-800 metri, mentre piogge e rovesci serali interesseranno la Liguria centrorientale, l'Appennino emiliano-romagnolo nonché le aree pianeggianti di Lombardia orientale, Veneto e Friuli-Venezia Giulia. Fino al primo mattino e dopo il tramonto formazione di foschie dense e banchi di nebbia sulla Pianura padana orientale.

Centro e Sardegna: addensamenti compatti sulla Toscana centro-settentrionale con deboli fenomeni dal pomeriggio in estensione serale a tutta la regione e in intensificazione sulla porzione settentrionale della regione, dove risulteranno anche a carattere di rovescio o temporale; velature su Lazio, Abruzzo, Umbria meridionale e Sardegna, cielo quasi sereno altrove ma incremento della nuvolosità dal pomeriggio su tutte le regioni tirreniche e aree appenniniche con locali piogge serali su Umbria meridionale e Lazio. Fino al primo mattino formazione di foschie dense e banchi di nebbia sulle vallate interne.

Sud e Sicilia: estese nubi basse sul settore tirrenico con possibilità di qualche debole precipitazione dal pomeriggio sulla Campania e in serata anche nelle zone tra Basilicata ionica e nord Calabria; nuvolosità medio-alta sulle restanti regioni, in attenuazione serale su Molise e Puglia settentrionale.

Temperature: minime in lieve rialzo sulla Sardegna; stazionarie su Lombardia orientale e Sicilia occidentale; altrove in diminuzione quasi ovunque; massime in tenue aumento su Valle d'Aosta e Sardegna meridionale; senza variazioni su Trentino-Alto Adige, Marche centro-settentrionali e ovest Sicilia; in flessione sul resto del paese.

Venti: inizialmente deboli variabili al Nord e sulle due isole maggiori e in prevalenza da sud-ovest altrove; dalla serata decisa intensificazione della ventilazione con venti forti dai quadranti occidentali sulle aree alpine occidentali su quelle appenniniche centro-settentrionali.

Mari: da poco mossi a mossi fino al pomeriggio; seguirà una intensificazione del moto ondoso fino ad agitato sul mar Ligure.

Il tempo previsto sull'Italia per venerdì 14 febbraio secondo il servizio meteo dell'Aeronautica militare.

Al Nord: residue piogge nelle prime ore del mattino sulle aree appenniniche emiliane e lungo le zone costiere adriatiche, ma in successivo rapido miglioramento con cielo terso. Bel tempo sul restante settentrione, a parte un po' di nubi compatte attese nella prima parte della mattinata sulle aree alpine con deboli nevicate associate a partire dai 1200 metri. Al primo mattino e dopo il tramonto formazione di foschie dense e banchi di nebbia sulla Pianura padana.

Centro e Sardegna: al primo mattino ancora cielo molto nuvoloso sulle regioni tirreniche e parzialmente nuvoloso su quelle adriatiche, con associate piogge o rovesci da sparsi a diffusi, ma in successivo, veloce miglioramento con spazi di cielo sereno sempre più ampi a partire da Toscana, Umbria e Marche; atteso qualche fiocco di neve sui rilievi abruzzesi oltre i 1200-1300 metri. Dal pomeriggio bel tempo su tutto il Centro.

Sud e Sicilia: all'inizio nuvolosità consistente sulle aree tirreniche, in estensione dal tardo mattino anche al restante meridione con precipitazioni diffuse sulle regioni peninsulari. Graduale diradamento della nuvolosità compatta dal pomeriggio a iniziare da Campania e Molise, con ,dalla serata, cielo sereno o poco nuvoloso su tutto il Meridione.

Temperature: minime stazionarie o in lieve calo sulle aree pianeggianti delle regioni alpine, Sicilia e Sardegna centromeridionali, in aumento sul resto del paese, più marcato sulle regioni centrali peninsulari; massime in aumento al Nord, regioni centrali tirreniche peninsulari, aree interne del Molise, Campania settentrionale e aree costiere ioniche, in diminuzione sul resto del paese.

Venti: forti nordoccidentali con raffiche di burrasca forte sulle aree alpine confinali e intorno ovest sull'Appennino tosco-emiliano, ma in attenuazione dalla tarda mattinata; generalmente deboli occidentali sul restante Settentrione a parte locali rinforzi al primo mattino sul levante ligure; da deboli a moderati dai quadranti occidentali sul restante Centro-Sud con rinforzi di burrasca su sardegna e sulle aree appenniniche centrali, ma in graduale attenuazione a partire dalle ore pomeridiane.

Mari: da molto mosso a localmente agitato il mar Ligure, ma con moto ondoso in attenuazione da fine giornata; da mossi a molto mossi il mar di Sardegna, il Tirreno centrosettentrionale e l'Adriatico, quest'ultimo con moto ondoso in riduzione dal pomeriggio sulla porzione più settentrionale; inizialmente da poco mossi a mossi i restanti bacini, ma con tendenza a divenire anch'essi mossi o molto mossi dalle tarde ore pomeridiane.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata