Simona Ventura querela Bettarini e Russo: Devo tutelare i miei figli
L'ex marito della conduttrice ha raccontato al Grande Fratello Vip le proprie scappatelle

A poche ore dalla messa in onda del surreale colloquio tra Stefano Bettarini e Clemente Russo all'interno della casa del Grande Fratello Vip, in cui l'ex calciatore faceva l'elenco delle donne con cui aveva tradito Simona Ventura quando erano sposati, la conduttrice risponde per vie legali. A difenderla è l'avvocato Alessandro Simeone, il quale in una nota spiega la volontà di Simona Ventura di tutelare i diritti della sua famiglia "calpestati" dalle dichiarazioni dell'ex marito. Bettarini, infatti, convinto di avere il microfono spento, ha raccontato al pugile le tante scappatelle durante il matrimonio con Super Simo. Una chiacchierata che per il legale della Ventura è "evidentemente espressione del loro pensiero sul ruolo della donna e sulla famiglia". Clemente Russo, infatti, una volta venuto a conoscenza del tradimento della conduttrice con Giorgio Gori, l'ha definita "zoccola". E proprio il pugile, spiega il legale, "verrà chiamato a rispondere di quanto commesso nelle sedi opportune; quanto a Stefano Bettarini, padre di due dei 3 figli di Simona Ventura, ogni commento appare superfluo".

Dall'avvocato arrivano anche critiche a Mediaset. "Lascia perplessi - scrive l'avvocato -  che alla casa di produzione del Grande Fratello Vip, responsabile di un programma ripreso da numerose  telecamere, sia potuta sfuggire la situazione, visto che c'erano tutti gli strumenti per interrompere immediatamente la diffusione del dialogo offensivo e riprendere altro. Ritornare ancora sull'argomento, anche se in chiave chiarificatrice, aggraverebbe l'accaduto, ferendo un'altra volta i sentimenti e la serenità della mia assistita e, soprattutto, dei suoi figli, cosicchè si confida che dell'episodio si riparli solo nelle sedi giudiziarie opportune".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata