Il portavoce di Harry: "la nonna è stata il primo membro della famiglia che ha chiamato"

Alla regina Elisabetta non sarebbe stato chiesto dal principe Harry e da Meghan Markle il permesso di usare il suo soprannome Lilibet per la figlia della coppia, la secondogenita venuta alla luce in un ospedale di Santa Barbara, in California, lo scorso weekend. Lo ha rivelato una fonte di palazzo alla Bbc.

Una fonte vicina al duca e alla duchessa del Sussex ha detto alla tv britannica che Harry avrebbe parlato con la regina prima della nascita e che “avrebbe menzionato” il nome. Ma una fonte di Buckingam Palace ha riferito che non è stato così, e alla sovrana “non è mai stato chiesto” il permesso dell’utilizzo del soprannome. Il rapporto tra la coppia e la famiglia reale ha fatto scalpore negli ultimi mesi nel Regno Unito e non solo.

La smentita del principe Harry sul nome Lilibet

Un portavoce del duca di Sussex ha smentito quanto riportato dalla Bbc secondo cui il principe Harry e Meghan Markle non avrebbero chiesto il permesso alla regina Elisabetta di usare il suo soprannome Lilibet come nome per la loro secondogenita. “Il duca ha parlato con la sua famiglia prima dell’annuncio” e “sua nonna è stata il primo membro della famiglia che ha chiamato”, ha detto il portavoce alla Cnn. “Durante quella conversazione, ha espresso il desiderio di chiamare la figlia Lilibet in suo onore”, ha aggiunto il portavoce sottolineando che se la regina non fosse stata d’accordo non avrebbero usato il suo soprannome.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata