Rita Dalla Chiesa difende Capitano Ultimo: "Abbandonato dallo Stato come mio padre"
Il Capitano dei Carabinieri che fece arrestare Totò Riina nel 1993 dovrebbe restare senza scorta

"Lo Stato vuole togliere la scorta al Capitano dei Carabinieri Ultimo, che fece arrestare Totò Riina nel 1993. E questo dovrebbe accadere proprio il 3 settembre, il giorno dell'anniversario della morte di mio papà", denuncia al settimanale Oggi, in edicola dal 30 agosto, Rita dalla Chiesa, figlia del generale dei Carabinieri Carlo Alberto, ucciso dalla mafia il 3 settembre 1982, quando era prefetto di Palermo.

Rita dalla Chiesa ricorda: "Anche mio padre si è trovato solo e abbandonato dallo Stato nell'estate del 1982, quando nessun politico lo ascoltava più e non gli rispondevano al telefono". E confessa a Oggi di essere amareggiata anche perché "fino a Oggi nessun esponente della Sinistra ha speso una parola in favore del Capitano Ultimo. La motivazione della folle scelta è che Ultimo non corre rischi dopo la morte di Riina, ma io so benissimo che la mafia non dimentica".
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata