Moda, versatile e contemporaneo: lo stile marinaro è tornato
Anche quest'anno, sulle passerelle primavera/estate 2016, questa tendenza non si è fatta attendere

Bianco, rosso e blu: ecco i colori dello stile marinaro per antonomasia, specialmente se declinati in una fantasia a righe orizzontali. Anche quest'anno, sulle passerelle primavera/estate 2016, questa tendenza non si è fatta attendere, per diversi motivi: gli stilisti sanno di andare sempre sul 'sicuro', perché non passa mai di moda, mentre la gente comune trova una varietà di capi molto ampia, così da poter scovare sempre la 'declinazione' che più rispecchia la propria personalità. Infatti, anche quest'anno i grandi designer si sono sbizzarriti e alla tendenza più classica si sono accostate anche diverse varianti.

Molto chic i modelli messi a punto da Giorgio Armani, che ha declinato il binomio rosso/blu in tessuti preziosissimi e abiti da gran sera. Dolce&Gabbana ha invece sviluppato una vena ironica, ricamando in rilievo su righe marinare iper tradizionali scherzosi soggetti marittimi, come ombrelloni colorati e stelle marine; Anteprima ha invece completamente reinventato questa tradizione, giocando su trasparenze e materiali sofisticati, come un'organza impalpabile.

Max Mara invece è il brand che si è attenuto alla più classica delle varianti, con righe rosse e blu orizzontali e comode sacche per portare le cose in spiaggia. Le idee della casa di moda italiana sono contemporanee e al contempo classiche. I capi dalle mille righe orizzontali blu e rosse sono arricchiti con un'altra fantasia tipicamente marinara: i nodi. Non solo, Max Mara pensa a una t-shirt candida stilizzando un oblò che si affaccia sul mare alla quale abbina maniche lunghe a righe fittissime e pantaloni a vita alta con bottoni dorati, per lupe di mare pronte a salpare.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata