Meghan Markle, George Clooney la difende: "Volete che faccia la fine di Diana?"

L'attore, amico della duchessa di Sussex, attacca i tabloid che la stanno "diffamando e perseguitando" 

Meghan Markle è "diffamata e perseguitata" dai tabloid, proprio come lo fu la principessa Diana. Ad affermarlo è l'attore statunitense George Clooney, amico della duchessa di Sussex e del marito, principe Harry. Mentre l'ex attrice è incinta e sotto i riflettori per ogni gesto, Clooney ha messo in guardia in un'intervista al magazine Who: "La inseguono dappertutto", è "una donna incinta di sette mesi ed è diffamata e perseguitata come lo fu Diana. La storia si ripete. Sappiamo come è finita".

Seguita da fotografi in moto, la principessa di Galles morì il 31 agosto del 1997 in un incidente d'auto nel tunnel de l'Alma a Parigi. Inizialmente la stampa britannica aveva accolto positivamente l'arrivo di Meghan Markle nella famiglia reale, attribuendole una ventata di freschezza nell'istituzione irrigidita dalle tradizioni. Ma oggi i modi della donna sono rimessi in causa, dopo una serie di dimissioni tra il personale della casa reale, al punto che Meghan è stata soprannominata 'Duchess Difficult'. Inoltre, i tabloid fanno a gara a pubblicare storie sulla famiglia dell'ex attrice. Clooney ha anche commentato la diffusione di una lettera che la donna ha scritto al padre: "Non ho parole per dire quanto sia irritante vedere che la lettera di una figlia a un padre viene diffusa. Non ne fanno passare una e trovo questo sia irresponsabile".
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata