Lele Mora: Corona è superdotato, oltre i venti centimetri
L'ex agente dei vip parla dell'imprenditore finito nuovamente in carcere

"Io non godo mai delle disgrazie altrui. La galera non si augura a nessuno. Uno che l’ha provata, non la può augurare a nessuno. Ma Corona è veramente malato. Ha la malattia dei soldi, se non approfitta, se non prende soldi dalla gente, sta male". Lo dice Lele Mora, ex agente dei vip e qualche anno fa molto vicino a Fabrizio Corona, a La Zanzara su Radio 24. Ma Corona è veramente cocainomane, chiedono i conduttori Giuseppe Cruciani e David Parenzo? “Corona cocainomane? Non lo è, non lo è mai stato. Secondo me - dice Mora - non ha mai pippato in vita sua. Lui prende pastiglie per altre cose, per i muscoli, prende il viagra. Ma la cocaina no, mai”. “I soldi che gli hanno trovato - prosegue Mora - sono anche pochi, per uno che faceva anche cinque eventi a sera, anche adesso. Lo so per certo perché ho fatto il nero e per questo ho pagato, con la galera. Corona ha molti soldi, più di quelli che gli hanno preso. Avrà messo via una decina di milioni di euro”.

Io, dice ancora Lele Mora, "non ho neanche le mutande, mi hanno sequestrato tutto. Non ho un conto in banca, vivo grazie allo stipendio che mi passa mio figlio e a qualche regalo degli amici, chi 100, chi 1000 euro ogni tanto. Ai tempi d’oro guadagnavo tra i 10 e i 100 milioni l’anno, li ho buttati via in stupidaggini. Ma non rimpiango nulla, ho fatto tutto ciò che volevo”. “Sul comodino del letto – racconta – ho una statuetta di Mussolini e la foto della Madonna di Medjugorje. Sì, sono ancora mussoliniano, non fascista”. 

Poi torna a parlare di Corona: “Sessualmente l’ho conosciuto da vicino. E’ superdotato, un pisello oltre i venti centimetri, ma tirava sulla destra. Ma io non trombo più da cinque anni, mi serve solo per fare la pipì. A 62 anni prendo delle pillole che sopprimono la libidine: preferisco curarmi piuttosto che trombare. Anche perché non ho soldi. Una volta, quando avevi i soldi, mettevi 500 euro intorno alla minchia e venivano a frotte. Adesso no. Adesso ci sono solo le monetine. E siccome il mio culo non è un juke box, le monetine non si possono usare”.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata