Justin Bieber nuovo volto (e corpo) per Calvin Klein Jeans

New York (New York, Usa), 7 gen. (LaPresse) - Aver indossato per mesi pantaloni a vita bassissima rimanendo a petto nudo ha dato i suoi frutti: Justin Bieber ora può mostrare a tutti il suo fisico scolpito e i suoi tatuaggi venendo pagato per farlo. La popstar canadese è infatti il nuovo testimonial testimonial di Calvin Klein, di fianco alla supermodella olandese Lara Stone nella campagna pubblicitaria mondiale per la Primavera Estate 2015 delle linee Calvin Klein Jeans e Calvin Klein Underwear.

"Justin Bieber si unisce alla lunga lista di musicisti, modelle, celebrity e icone della moda apparse nelle nostre campagne pubblicitarie mondiali" ha dichiarato Melisa Goldie, Chief Marketing Officer di Calvin Klein. "La fama mondiale di Justin Bieber, l'affinità totale con il brand e il carisma personale apportano un'energia coinvolgente alle nostre linee di jeans e intimo".

Scattata dai fotografi di moda Mert Alas & Marcus Piggott a New York, la nuova campagna del brand immortala Justin Bieber e Lara Stone con indosso jeans e intimo nei look chiave della stagione. Quella con Bieber è l'ultima di una sfilza di collaborazioni con la musica e la cultura pop: tutto è cominciato quando Mark "Marky-Mark" Wahlberg ha posato assieme alla modella Kate Moss; solo nell'ultimo anno, hanno posato per il marchio Taylor Swift, Drake, Sam Smith, Kanye West, Harry Styles, Ciara, Usher, Future, Rita Ora, Trey Songz, Ne-Yo, Iggy Azalea, Fergie, Joe Jonas, Nick Jonas, Common, Solange Knowles, Big Sean e Tinie Tempah.

Bieber, che il prossimo 1 marzo compirà 21 anni, è stato scoperto nel 2007 grazie ai suoi video su YouTube diventando molto in fretta un idolo delle teenager di tutto il mondo, soprannominate 'Beliebers'. Il suo talento è stato riconosciuto dall'industria discografica svariate volte, premiato agli American Music Awards e candidato ai Grammy, ed è stato incluso per tre volte nella top ten delle celebrità più potenti del pianeta redatta dalla rivista Forbes (arrivando terzo nel 2011 e nel 2012 e nono nel 2013), scivolando "solo" al 33esimo posto nel 2014.

Crescere sotto i riflettori non deve essere facile, così nel 2014 ha fatto parlare di sé più per il gossip e le bravate (dalla scimmietta in quarantena in Germania alle denunce per vandalismo ai danni dei vicini di casa); tuttavia l'affetto dei (e delle) fan non accenna a diminuire, testimoniato anche da un seguito di 58,9 milioni di followers. E ora questa nuova possibilità che dà il via al 2015 per Bieber.

"Calvin Klein è un brand iconico e sono emozionato e onorato di poter entrare a far parte della storia di Calvin Klein con questa campagna. Sono un fan di lunga data del brand e indosso i loro jeans e il loro intimo da sempre, insomma è un sogno che diventa realtà", ha affermato Justin Bieber. "È l'inizio di un nuovo emozionante anno per me, personale e professionale, e far parte di questa campagna è stata un'opportunità e un'esperienza fantastica".

Sono lontani i tempi in cui Bieber era un teenager magrolino. Nell'ultimo anno ha pubblicato regolarmente i suoi sforzi in palestra per trasformarsi in giovane uomo muscoloso e i risultati si vedono. “Ho lavorato in palestra, mi sono fatto più grosso, cercando di diventare sexy per le signore” ha scritto su Twitter. Ma non ha cambiato tipo di allenamento per prepararsi a questo servizio fotografico. Che consiste, secondo quanto raccontato dal suo personal trainer, Patrick Nilsson, in 40 minuti al giorno per 5 giorni alla settimana, soprattutto sollevamento pesi focalizzato su petto e spalle.

Nessuna dieta speciale, anzi: Nilsson ha raccontato che Bieber si assicura di mangiare a sufficienza assorbendo abbastanza calorie, perché qualche volta si dimentica di mangiare a causa dei suoi impegni. “Mi devo assicurare che mangi - ha detto Nilsson – è l'unico cliente a cui permetto di andare da McDonalds quando vuole. Ma gli piacciono anche il petto di pollo, il coregono, il salmone, il tacchino, le bistecche, il riso, il purè e le patate e verdure come il cavolfiore”.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata