Ex di Bobbi Kristina Brown dovrà risarcire 36 milioni alla famiglia
E' ritenuto responsabile della morte della figlia di Whitney Houston

Un giudice della Georgia ha condannato l'ex compagno di Bobbi Kristina Brown, Nick Gordon, al risarcimento di 36 milioni di dollari, ritenuto responsabile della sua morte nel 2015. Lo hanno comunicato gli avvocati patrimoniali di Brown. Secondo quanto riferito dagli avvocati dell'unica figlia di Bobby  Brown e Whitney Houston, Ware e Glenda Hatchett, il risarcimento chiesto a Nick Gordon ammonta precisamente a 36.25 milioni di dollari. I legali hanno accusato l'uomo di aver provocato la morte della giovane dandole "un mix tossico" e di averle sottratto denaro dal suo conto in banca mentre era in coma.

Il giudice della Corte superiore di Fulton County, Jackson Bedford, ha pronunciato la sentenza contro Gordon dopo che né l'imputato né il suo legale si sono presentati ad un'udienza del processo a settembre. "L'imputato non sfuggirà alla giustizia né potrà trarre profitto dai suoi misfatti. Noi auspichiamo che in qualche modo questo permetterà alla famiglia di Krissy di proseguire nella loro ricerca di pace", ha dichiarato Ware in un comunicato inviato via mail.

L'aspirante cantante è stata trovata morta all'interno della vasca da bagno della sua casa di Atlanta nel gennaio 2015 ed è morta dopo sei mesi di coma all'età di 22 anni. Il referto dell'autopsia ha riportato due cause di decesso: intossicazione da stupefacenti e annegamento nella vasca da bagno.

Fonte Reuters - Traduzione LaPresse
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata