Davide Devenuto in esclusiva a 'F': "Lascio 'Un posto al sole' dopo 16 anni"
Davide Devenuto in esclusiva a 'F': "Lascio 'Un posto al sole' dopo 16 anni"

La rivelazione dell'attore nell'intervista concessa  al settimanale femminile di Cairo Editore diretto da Marisa Deimichei in edicola da mercoledì 9 ottobre: "Avevo un ritmo di vita insostenibile, non riuscivo più ad apprezzare niente". L'addio alla popolare serie tv potrebbe essere definitivo

Nel numero in edicola da mercoledì 9 ottobre di F - il settimanale femminile di Cairo Editore diretto da Marisa Deimichei - il racconto in esclusiva dell'attore Davide Devenuto, volto storico di 'Un posto al sole', che a gennaio lascerà il cast della popolare serie tv e non esclude che questo possa diventare un addio definitivo. Davide deve tanto al set dove lavora dal 2003 con il ruolo di Andrea Pergolesi, anche l'incontro con Serena Rossi, madre di suo figlio Diego arrivato nel 2016, con cui si sente già sposato. Cosa ha fatto maturare questa decisione? "Mi rendo conto ora che avevo un ritmo di vita insostenibile, non riuscivo più ad apprezzare niente, perché dovevo fare tutto di corsa, la parte piacevole del lavoro si è esaurita. Rimangono la fatica, le frustrazioni, e un personaggio che ha raccontato tutto". Quanto ci ha messo a maturarla? "Troppo, è come se mi fossi reso conto di non essere più utile. Devo sentire che la cosa che faccio arricchisce me per primo, altrimenti non ce la faccio".

Il ruolo di Andrea è stato parte della sua vita per più di quindici anni: quanto sarà difficile separarsene? "Ci ho investito tantissimo, per me è stata veramente una passione. Mi ero completamente identificato con Andrea, che tra l'altro ha esaltato certi lati del mio carattere. A volte ho pensato che insieme al copione mi avrebbero dovuto fornire uno psicologo. In ogni caso girerò fino a gennaio quindi avrò tempo per elaborare questa separazione". Un altro figlio in programma con Serena? "Dobbiamo incastrare con la sua carriera, ma o lo facciamo entro un anno o non lo faccio più, sono vecchio". Prima il matrimonio? "Non ancora. Mi dà fastidio che si possa pensare che sia un modo per sfuggire dalle responsabilità, perché è il cliché più cretino dell'universo. Io vivo insieme a lei, abbiamo fatto un figlio e io mi sento sposato. Cosa cambia?". Il settimanale F è disponibile anche in versione iPad e iPhone, nell'edicola di iTunes Store.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata