Baldini: Sono vicino a Celentano. Anch'io vittima di minacce, giravo con spranga
Il conduttore radiofonico solidale con il cantante che ha denunciato raid nella propria villa

Marco Baldini ha espresso solidarietà ad Adriano Celentano, che ha denunciato l’intrusione di alcuni estranei nella su abitazione. Anche l'artista fiorentino è stato vittima di minacce. E raggiunto telefonicamente dal sito 'Bollicine Vip' racconta le paure che ancora oggi lo attanagliano e l’impotenza che si ha di fronte a situazioni spiacevoli come questa.

“Ogni volta che sento parlare di queste faccende mi viene la pelle d’oca. Anche io in passato sono stato vittima di minacce e ritorsioni e vivevo nella paura, so cosa sta provando Adriano Celentano”. Baldini sottolinea: “Fino a qualche mese fa vivevo con il terrore di uscire di casa. Ho avuto una persona che mi perseguitava, era arrivata ad aspettarmi sotto il portone e a minacciare di fare del male a me e alla mia famiglia. Quando ci penso sono terrorizzato. Minacce su minacce e la paura. Quando qualcuno si intrufola in casa tua ti senti impotente. Adriano poi, ancor di più perchè non sa il motivo per il quale sta ricevendo queste minacce.”

Baldini aggiunte nell'intervista  'Bollicine Vip: “Non tutti sanno che quando si è un personaggio pubblico esposto molte persone pensano che debba essere tu a risolvere i loro problemi. In passato non ho addirittura denunciato perchè avevo paura di cosa potesse pensare la gente. Spesso, al di fuori delle telecamere, si pensa che ogni cosa fatta da un personaggio più o meno noto sia fatta per attirare attenzioni, ma non è così. Nonostante oggi mi senta molto più tranquillo la paura dei creditori c’è sempre. Non sai mai cosa può accaderti, soprattutto perchè, come dimostrato dal caso Celentano, le misure di sicurezza sono scarse, per tutti, personaggi pubblici e non…”. Il conduttore radiofonico ha, inoltre, svelato che, fino a poco tempo fa, era costretto a uscire di casa armato di una piccola spranga.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata