La cantante dice che “molto" di ciò che è stato mostrato nel documentario del New York Times "Controlling Britney Spears" non è vero

Nuovi dettagli sulla sua vita sotto tutela legale, interviste agli addetti ai lavori e a personaggi chiave. Viene presentato così il documentario del New York TimesControlling Britney Spears”, uscito recentemente. Ma la diretta interessata, Britney Spears ha avuto qualcosa da dire in merito. Secondo la popstar, infatti, “molto” di ciò che è stato mostrato nel documentario “non è vero“.

La popstar non ha chiarito nello specifico quali parti del documentario non siano vere, ma in un post su Instagram ha scritto: “È davvero pazzesco ragazzi… ho visto un po’ dell’ultimo documentario e odio informarvi ma molto di quello che avete sentito non è vero”. La Spears ha anche sottolineato di non essere entusiasta di come è stata ritratta, scrivendo sarcasticamente: “Wow, hanno usato il filmato di me più bello al mondo!”.

britney-spears

Britney Spears

Arriva il documentario “Controlling Britney Spears”

Il documentario è il seguito di “Framing Britney Spears”, che ha ricevuto anche una nomination agli Emmy e che include una serie di interviste, tra le quali quella all’ex capo della sicurezza Alex Vlasov, che ha raccontato dell’incredibile sistema di sorveglianza messo a punto da Jamie Spears dal 2008. Dallo sbirciare nell’iPhone a registratori nella sua camera da letto, fino all’ossessione di Jamie per gli uomini della figlia, che spiava. Queste alcune delle rivelazioni contenute nel documentario del New York Times.

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Britney Spears (@britneyspears)

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata