In un’intervista, il padre di Meghan Markle sostiene che Archie e Lilibet sono “defraudati” dai genitori perché impediscono loro di vedere i nonni

thomas-markle

Thomas Markle

Archie e Lilibet sono defraudati da Harry e Meghan perché non permettono loro di vedere la Regina, Carlo e Camilla”. Lo ha affermato Thomas Markle, il padre della Duchessa di Sussex, Meghan Markle, in un’intervista di 15 minuti all’emittente tv australiana Channel7, ripresa dal “DailyMail.it”.

Thomas Markle, 77 anni, ha accusato la coppia di essere “terribilmente ingiusta” nei confronti dei figli tenendoli lontani dai nonni, figure fondamentali per ogni bambino.

Parlando con il programma “Sunrise”, Thomas Markle ha affermato: “Penso che Archie e Lilibet siano stati privati ​​della possibilità di vedere tutti i loro nonni e parenti e penso che sia terribilmente ingiusto nei loro confronti. Mi hanno tagliato fuori perché ho osato criticarli. L’unico membro della famiglia che li incontra è Doria Ragland”, l’ex moglie di Thomas e madre di Meghan.

Alla domanda sulla possibilità di un’azione legale per vedere i piccoli, l’ex direttore delle luci a Hollywood ha rivelato: “Ho ricevuto offerte pro-bono da diversi avvocati, abbiamo il diritto di fare causa per vedere i nostri nipoti. Ma per me è come entrare in un gioco e usarli come pedine. Non farò causa perché penso solo che loro li stiano usando e non è quello che io ho intenzione di fare. Non dovrebbero essere usati, sono solo bambini. Quindi no, aspetterò pazientemente finché non saranno pronti a portarmeli”.

Thomas Markle sulla figlia Meghan: “È molto dispotica”

Poi Thomas Markle ha sottolineato che la figlia ha assunto di proposito un atteggiamento ostruzionistico e non le ha risparmiato un commento pungente: “Meghan è la parte controllante della coppia. Lo credo al 100%. Mia figlia è molto dispotica”.

Frecciatina anche per il principe Harry d’Inghilterra: “Penso che sia stato un totale fallimento come marito perché se mia moglie o un mio figlio venisse da me e mi dicesse che ha problemi psicologici e che sta pensando al suicidio, li porterei in prima persona dal medico. Non dovrei aspettare l’intervento o il permesso di terze persone”. In questo caso Thomas Markle si riferisce all’accusa dei Duchi di Sussex alla Royal Family di indifferenza e disinteresse davanti alla richiesta di aiuto di Meghan che pensava al suicidio quando era in attesa di Archie.

Infine, Thomas Markle ha invitato la coppia reale a tornare sui propri passi: “Vorrei che loro, tutti e quattro, tornassero in Inghilterra e adempissero ai loro doveri. È meglio per i bambini ed è meglio per loro. Stanno danneggiando i bambini. Inoltre in Inghilterra avrebbero una protezione migliore che a Montecito. Mi piacerebbe vederli, far pace e sapere che l’hanno fatta anche con la Regina e Carlo”.

L’uomo ha parlato dalla sua casa in Messico, ad appena 120 miglia dalla sontuosa villa dei Sussex. I rapporti tra padre e figlia sono sempre stati ottimi ma si sono interrotti alla vigilia del matrimonio con Harry nel 2018: Meghan chiese al genitore di non rilasciare interviste ai tabloid sui loro problemi familiari ma, sull’onda mediatica, Thomas Markle non le diede ascolto. A nulla sono valse le successive richieste di perdono.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata