Capelli bianchi e occhialoni, sempre avanti con i tempi senza mai dimenticare lo stile. L’interior designer statunitense compie un secolo

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Iris Apfel (@iris.apfel)

iris-apfel

Un secolo portato addosso con stile, originalità e gusto. Iris Apfel compie 100 anni. La famosissima imprenditrice, regina dell’art design, riconosciuta a livello mondiale come icona di stile, è nata il 29 agosto 1921 ad Astoria, a New York.

Iris Apfel festeggia al grido di “More is more & less is Bore”, da sempre suo motto di vita, con i suoi occhialoni rotondi, rotondi, le labbra rosse e i capelli bianchi, suoi segni distintivi.

Nata da genitori ebrei, il padre Samuel Barrel era esperto di antiquariato e la madre Sadye, di origini russe, proprietaria di una boutique, Iris Apfel ha raggiunto la notorietà soprattutto in tarda età e si è autodefinita “l’adolescente più attempata del mondo e ho intenzione di continuare così”. Lo ha detto nella sua autobiografia uscita nel 2019, tradotta in italiano e ristampata proprio in vista del suo compleanno.

Dagli studi universitari passando per l’accademia d’arte, alle collaborazioni con importanti riviste, Iris Apfel è sempre riuscita ad essere avanti, anticipando le tendenze e dimostrando che anche gli eccessi sono belli se accompagnati dallo stile.

Iris Apfel consulente di interni per la Casa Bianca

Nel 1948 sposò Carl Apfel e con lui avviò la “Old Wild Weavers”, industria tessile attiva fino al 1992. Contemporaneamente ha portato avanti il lavoro come disegnatrice e interior designer. Iris è stata consulente di interni per la Casa Bianca con nove presidenti (da Truman a Clinton), a 97 anni ha avuto un contratto come modella per IMG Models e, nel 2005, il Metropolitan Museum di New York ha organizzato una mostra su di lei.

Ha anche una sua Barbie, ispirata a lei e con le sue stesse caratteristiche e ad oggi ha oltre 1,5 milioni di follower su Instagram.

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

iris-apfel

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata