La conduttrice Rai, in vista del suo ritorno in studio il prossimo 19 settembre, ha parlato delle sue condizioni di salute

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Mara Venier (@mara_venier)

mara-venier

Mara Venier, “Domenica In”

Tutto era iniziato il 31 maggio per un problema ad un dente e quello che doveva essere un banale intervento di routine si era invece trasformato in un incubo. A causa dell’intervento, Mara Venier si era ritrovata con un nervo lesionato a causa di un impianto dentale che le ha provocato una paresi facciale.

Oggi, a distanza di oltre due mesi dall’operazione e a meno di un mese dal 19 settembre, giorno in cui su Rai 1 ricomincerà “Domenica In“, la conduttrice svela le sue (non ottime) condizioni di salute.

Lo sfogo di Mara Venier: “La lesione del nervo c’è ma sono in buone mani”

“La lesione del nervo, in seguito a un intervento per un impianto dentale, purtroppo c’è. Sto prendendo medicine e mi auguro di recuperare presto la sensibilità, anche se nessuno ti assicura la completa guarigione. Comunque sono in buone mani e sto cercando di reagire” ha raccontato al settimanale Gente.

Mesi molto duri, che hanno provato fisicamente e mentalmente la conduttrice: “Ho preso una bella botta, ho vissuto momenti brutti, di fragilità e profondo sconforto. All’inizio non riuscivo a mangiare, ho avuto un piccolo impedimento nel parlare e, talvolta, faccio ancora un po’ fatica“.

Una situazione che ha messo a repentaglio anche la sua conduzione nel programma di Rai 1: “Ero talmente smarrita che sulle prime volevo fermarmi per pensare solo a curarmi. Per un attimo ho anche ipotizzato che forse non avrei fatto Domenica In. Pensavo di lasciare, nessuno mi assicura che guarisca, non lo sono ancora”. Invece Mara, per la gioia di tutti i suoi fan, tornerà: “Finalmente riesco a sorridere” ha concluso.

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Mara Venier (@mara_venier)

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata