Nel suo duro sfogo l’attore racconta di essere stato boicottato da Hollywood e dallo “star system”: il suo ultimo film non sarà distribuito negli Usa

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da The Times and The Sunday Times (@thetimes)

johnny-depp

Johnny Depp

Johnny Depp boicottato da Hollywood e dallo “star system”. È lo stesso attore americano ad attaccare il “sistema”, definendo gli ultimi cinque annisurreali” in un’intervista al “Sunday Times”.

“Sono stati cinque anni surreali” ha raccontato il protagonista di “Piraiti dei Caraibi” ma “qualunque cosa io abbia passato, l’ho passata. Questo particolare momento della mia vita è stato così assurdo…”⁠.

Johnny Depp e le “grane legali” con la ex moglie Amber Heard

Il riferimento è allo scontro legale con la ex moglie, l’attrice Amber Heard, che si è rivolta ai tribunali per denunciare una serie di abusi subiti. Accuse che avevano portato l’attore a perdere il ruolo di Gellert Grindelwald in “Animali Fantastici”.

Depp adesso promette di voler “far luce” sul suo conto mentre, tramite i suoi legali, ha chiesto agli avvocati dell’ex moglie di dimostrare che i soldi ricevuti dopo il divorzio siano davvero stati versati in beneficenza, come l’attrice aveva sostenuto.

Nel frattempo, però, Hollywood sembra ancora voltargli le spalle. La casa di produzione Mgm ha comprato i diritti del film “Minamata” diretto da Andrew Levitas, nel quale Depp interpreta il fotografo documentarista William Eugene Smith, ma ha deciso di non distribuirlo negli Stati Uniti. Una scelta che, secondo il regista della pellicola e lo stesso attore, dipende ancora dai problemi personali e legali di Johnny Depp. 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Johnny Depp (@johnnydepp)

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata