Dopo 26 stagioni, il nove volte campione del mondo ha ufficializzato il suo ritiro: "È stato difficile ma va bene così"

valentino-rossi

Valentino Rossi

“È un momento molto triste, è difficile sapere che l’anno prossimo non correrò in MotoGP“. Con questa affermazione si conclude la carriera di Valentino Rossi, una delle più titolate e longeve della storia del motociclismo. 42 anni e 26 stagioni trascorse nel Campionato del Mondo MotoGP, il Dottore ha conquistato nove titoli mondiali, di cui cinque consecutivi portati a casa tra il 2001 e il 2005.

“Mi dispiace un sacco, avrei voluto correre altri 20-25 anni ma purtroppo non è possibile. Però è stato bello, ci sono stati momenti indimenticabili in cui mi sono divertito un sacco, questo me la porterò sempre” ha aggiunto il campione.

Valentino Rossi, addio alle piste? Non esattamente…

Addio per sempre alle piste? Non esattamente perché Valentino Rossi non esclude di continuare a correre: “Adoro correre con le macchine, forse appena meno che con le moto. Penso che correrò con le macchine ma è ancora un processo in corso. Non c’è alcuna decisione presa, io mi sento un pilota in moto o in macchina e lo resterò per tutta la vita. Magari non allo stesso livello ma penso che correrò comunque”.

Valentino Rossi, ritirarsi “è stato difficile ma va bene così”

A proposito del suo ritiro, il campione ha affermato: “È stato difficile perché avrei l’opportunità di gareggiare con il mio team, con mio fratello, mi sarebbe piaciuto ma va bene così, credo. Abbiamo ancora metà stagione, sarà più difficile quando si arriverà all’ultima gara”.

E sulla sua carriera non nasconde una riflessione: “Sono un po’ triste di non aver vinto il decimo campionato, perché lo meritavo, ho perso due volte all’ultima gara. Ma non posso certo lamentarmi della mia carriera”.

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Valentino Rossi (@valeyellow46)

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata