Con un lungo post su Instagram, assieme alla foto dei loro bambini, l’attrice posta una romantica dedica al marito

“Il nostro papà è ciò che vogliamo diventare, perché nessuno come lui può insegnarci ad amare. Auguri pieni di felicità, che ogni tuo sogno possa diventare realtà”. Un messaggio di auguri in rima, carico di affetto, tenerezza e amore. È quello postato da Laura Chiatti per il marito, Marco Bocci, che oggi compie 43 anni. Per questa speciale ricorrenza, l’attrice umbra ha postato una tenera foto dei loro due bambini, Pablo ed Enea, e una lettera che dà voce proprio ai sentimenti dei piccoli nei confronti del loro papà.

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Un post condiviso da Laura Chiatti (@laurachiatti82)

laura-chiatti“Il sorriso del nostro papà è come un arcobaleno, spazza via la tempesta e fa tornare il sereno. Il suo abbraccio ci consola se abbiamo paura, lui per ogni nostra ferita conosce la cura, è una melodia costante in sottofondo, che ci accompagna nella vita e non ci lascia neppure un secondo”, si legge ancora nel post.

Che poi prosegue: “È buono, forte e sincero, non è un supereroe ma è magico per davvero. Riesce ad essere ovunque noi siamo, per farci ritrovare le strada quando ci perdiamo. il suo lavoro lo rende particolare, ogni giorno una storia diversa ha da raccontare… può essere un re, un principe, un pirata… ma noi lo riconosciamo sempre, perché nessuno ha quella risata… travolgente, viva e rassicurante, perché è unica, non è una delle tante”.

La risposta tenera e ironica di Marco Bocci a Laura Chiatti

Una lettera tenera e amorevole, alla quale lo stesso Bocci ha risposto, anche con un pizzico di ironia nei confronti della moglie, commentando: “Amori miei meravigliosi, grazieeee. Vi amo. Ma questa in rima l’ha scritta la mamma…?”, aggiungendo una faccina che ride e una che fa la linguaccia. Bocci mette in dubbio, probabilmente, le doti poetiche della moglie Laura Chiatti, ma scaccia via anche nubi e incertezze sul loro rapporto. 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata