Il musicista americano, 86 anni, è morto nel sonno nella sua casa di Glendale, in California

Si è spento “serenamente nel sonno”, a 86 anni, Charles Connor, storico batterista di Little Richard e grande collaboratore di James Brown. Il musicista americano è morto nella sua casa di Glendale, in California. “Era uno di quei batteristi che hanno posto le basi per la creazione del genere rock ‘n’ roll”, ha detto la figlia Queenie Connor Sonnefeld annunciando la scomparsa del padre, per le complicazioni dovute a un disturbo neurologico.

Charles Connor, batterista del mito

charles-connorCharles Connor “ha suonato con tanti musicisti leggendari negli anni ’50. Era un nonno amorevole, era molto orgoglioso della sua famiglia e molto orgoglioso del suo contributo al rock ‘n’ roll”, ha ricordato ancora la figlia. Connor aveva collaborato con Little Richard, James Brown, ma accompagnato in tour anche altri grandi artisti, come Jackie Wilson e Sam Cooke.

Nato nel 1935 a New Orleans, Charles Connor aveva iniziato a suonare la batteria a 12 anni. Appena maggiorenne entrò in una delle prime band del cantante Little Richard. Nel 2008 aveva pubblicato “Don’t Give Up Your Dreams: You Can Be a Winner Too!”, un libro di memorie e, due anni dopo, era stato inserito nella Louisiana Music Hall of Fame. Al momento della sua morte, stava lavorando al suo documentario autobiografico.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata