La scrittrice e giornalista statunitense aveva 75 anni, era stata legata al frontman dei “The Doors” alla fine degli anni ’60

È morta a New York la scrittrice e giornalista statunitense Patricia Kennealy-Morrison, vedova di Jim Morrison. La notizia della scomparsa è stata data dal magazine di fantascienza “Locus“, che ha specificato che l’autrice e critica musicale è morta lo scorso 23 luglio all’età di 75 anni.

Patricia-Kennealy

Jim Morrison

Come scrittrice di fantascienza Patricia Kennealy era famosa per la saga di “The Keltiad“, ispirata alla mitologia celtica, uscita negli anni ’80, e per la saga “Tales of Arthur“, degli anni ’90. Ha anche scritto la serie di gialli “Rock & Roll Murders”, e tra le altre cose, la non-fiction “Rock Chick: A Girl and Her Music”.

Patricia Kennealy e l’amore con Jim Morrison

Nata nel 1946 a Brooklyn e cresciuta a Long Island, Patricia Kennealy aveva studiato giornalismo e si era laureata in letteratura inglese. È stata una delle prime donne a occuparsi di rock and roll nell’ambito della critica musicale, ed è stata caporedattrice della rivista “Jazz & Pop” negli anni ’60.

Proprio durante un’intervista, nel 1969, incontrò Jim Morrison, leader dei “The Doors”, e i due si legarono sentimentalmente quasi subito, scambiandosi le promesse e i voti di fedeltà durante un matrimonio celtico nel 1970, un anno prima della morte di Morrison.

La stessa Kennealy ha raccontato la loro storia nel libro “Strange Days: My Life With and Without Jim Morrison“, pubblicato nel 1992. Ha pubblicato sia con il suo nome alla nascita, Patricia Kennely, che con la variante Patricia Kennealy prima di cambiare il suo nome, legalmente, in Patricia Kennealy-Morrison. Alcuni suoi libri sono usciti anche con il nome di Patricia Morrison.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata