Il giocatore di football sostiene la compagna, dopo il crollo psicologico alle Olimpiadi giapponesi

È il suo primo tifoso, e il primo a sostenerla, sempre. Jonathan Owens è rimasto accanto alla fidanzata, la ginnasta statunitense Simone Biles, dopo il ritiro dalla competizione a squadre di ginnastica alle Olimpiadi di Tokyo, e l’annuncio che non parteciperà alla finale individuale all-around “per concentrarsi sulla sua salute mentale”.  La pluricampionessa americana, quattro ori olimpici a Rio 2016, si è ritirata dalla finale a squadre dopo un errore al volteggio e Jonathan Owens da quel momento ha continuato a sostenerla.

jonathan-owens-simone-biles

“Sono così orgoglioso di tutti voi”, ha commentato Jonathan Owens, giocatore di football e fidanzato di Simone. Il suo commento è arrivato sotto il post che la stessa campionessa aveva pubblicato per complimentarsi con le sue compagne di squadra per l’argento olimpico conquistato proprio nella gara che l’aveva vista crollare. “Voi ragazze siete incredibilmente coraggiose e talentuose! Sarò sempre ispirata dalla vostra determinazione a non arrendervi e a combattere le avversità! Si sono fatte avanti quando non potevo. Grazie per essere lì per me e sostenermi! Vi amerò per sempre”, ha scritto Biles.

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Un post condiviso da Simone Biles (@simonebiles)

Il ritiro di Simone Biles e il sostegno di Michelle Obama e di Jonathan Owens

A causa delle restrizioni legate al Coronavirus, gli amici e la famiglia di Simone Biles non hanno potuto partecipare alle Olimpiadi di Tokyo e sostenerla dal vivo. La scorsa settimana, la campionessa ha festeggiato il 26° compleanno del suo ragazzo Jonathan Owens, con un post su Instagram, scrivendo: “Ti amo così tanto. Non vedo l’ora di festeggiarti quando torno a casa! Grazie per avermi mantenuta sana nei momenti più folli. Un orecchio con il quale sfogarsi, qualcuno con cui condividere momenti divertenti e sfruttare al meglio i ricordi! Non so cosa farei senza di te!”.

Adesso Simone deve combattere l’ansia e lo stress che la stanno tenendo lontana dalle competizioni. “Devo concentrarmi sul mio stato mentale e non mettere a repentaglio la mia salute e il mio benessere”, ha spiegato. E nel frattempo arriva anche il sostegno di Michelle Obama. L’ex first lady americana si è congratulata con la squadra statunitense per l’argento vinto e poi su Twitter si è rivolta alla campionessa. “Sono capace abbastanza? Sì, lo sono. Il mantra che pratico quotidianamente”, ha scritto Michelle e ha aggiunto: “Simone Biles, siamo fieri di te e facciamo il tifo per te”.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata