Orietta Berti ha accusato gli inglesi di scarsa sportività dopo la finale di Euro2020 persa contro l'Italia

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Un post condiviso da Orietta Berti (@bertiorietta)

 

A Orietta Berti non ha fatto piacere lo scarso fair play dimostrato dagli inglesi dopo la finale persa dalla loro Nazionale contro gli Azzurri a Euro 2020.
 
Così la cantante, 78 anni, in un’intervista rilasciata a ‘La Stampa’ ha fatto sapere di ritenere che l’Italia si sia presa una bella rivincita sui sudditi della regina Elisabetta, che spesso ci trattano in maniera altezzosa.
 
Orietta Berti

Orietta Berti


Orietta Berti ha commentato: “Abbiamo vinto, grazie al nostro portierone Gigio Donnaruma che ha fatto parate meravigliose, soprattutto quella che ha sancito la nostra vittoria. Una grande soddisfazione per tutti gli italiani. Una grande soddisfazione per il commissario tecnico Roberto Mancini che è forse il vero artefice del percorso trionfale degli Azzurri”.
 

Lo sfogo di Orietta Berti

 
Poi la cantante ha proseguito:“Gli inglesi, va detto, sono molto più agili; sono più atleti ma picchiano anche: a volte anzi sono mastini più che giocatori. Quando gli inglesi facevano fallo sui nostri, l’arbitro faceva finta di niente. Sono stati agevolati, nel loro Paese, con il loro pubblico al fianco. Io avevo paura dell’arbitro: questa volta è stato ni. Mi sono piaciuti Chiesa, veramente bravo, e Chiellini e Bonucci. Per non parlare di Donnarumma, il gigante in porta: mezza partita l’ha vinta lui. Ma se l’Italia ha vinto è perché tutta la squadra si è data da fare”.
 
L’artista ha inoltre lanciato una frecciatina anche alla regina Elisabetta dopo che all’inizio del match lo stadio, a maggioranza occupato da tifosi inglesi, ha offeso l’Italia fischiando il nostro inno nazionale e mostrando scarsa sportività: “Hai visto cosa succede se si fischia contro il nostro inno nazionale cara Lilibeth?”, ha scritto infine su Instagram.
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata