I principi hanno svelato il monumento e reso un commovente omaggio alla madre

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Duke and Duchess of Cambridge (@dukeandduchessofcambridge)

Lo hanno fatto insieme, a quattro mani, togliendo l’enorme panno verde che la ricopriva: così i principi William e Harry si sono ritrovati fianco a fianco, giovedì pomeriggio, e insieme hanno svelato la statua dedicata alla madre Diana, in occasione di quello che sarebbe stato il suo 60° compleanno. La statua, realizzata dallo scultore Ian Rank-Broadley e dall’architetto Pip Morrison, si trova nei giardini di Kensington Palace, nel cuore del parco.

Harry, arrivando alla cerimonia, ha rivolto un applauso sentito verso gli autori della statua. “È il risultato di uno sforzo collettivo”, ha risposto l’architetto Morrison. Poi William si è rivolto al fratello chiedendogli: “Sei pronto?” e i due hanno sfilato assieme il telo che ricopriva la statua. Alla cerimonia, in forma ristretta e privata, erano presenti alcuni membri della famiglia Spencer e alcuni amici di Diana, che hanno applaudito commossi quando hanno visto il monumento.

lady-diana

Lady Diana

Lady Diana: su Instagram il ricordo di William e Harry

Commovente anche il post pubblicato su Instagram sull’account ufficiale del Duca e della Duchessa di Cambridge, a firma di William e Harry. “Oggi, in quello che sarebbe stato il 60° compleanno di nostra Madre, ricordiamo il suo amore, la sua forza e il suo carattere, qualità che l’hanno resa una forza positiva in tutto il mondo, cambiando in meglio innumerevoli vite. Ogni giorno vorremmo che fosse ancora con noi, e la nostra speranza è che questa statua sia vista per sempre come un simbolo della sua vita e della sua eredità”, si legge nel post.

I principi hanno poi ringraziato chi ha lavorato e chi ha voluto il monumento: “Grazie a Ian Rank-Broadley, Pip Morrison e ai loro team per il loro eccezionale lavoro, agli amici e ai donatori che hanno contribuito a far sì che ciò potesse accadere e a tutti coloro che nel mondo mantengono viva la memoria di nostra madre”.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata