måneskin I Måneskin continuano a essere protagonisti in Europa, non solo per il loro talento e l’enorme successo del brano “Zitti e Buoni”. Dopo le accuse, rivelatesi assolutamente infondate, sul consumo di droga all’Eurovision, vicenda oramai chiusa, la band romana è nuovamente al centro delle polemiche.

Måneskin e l’accusa di plagio

L’accusa è di plagio e arriva direttamente dall’Olanda, proprio dove i Måneskin hanno conquistato, poche settimane fa, il tetto d’Europa, vincendo l’Eurovision.

Leggi anche: Måneskin, “Zitti e Buoni” suona ai semafori di Rotterdam

A parlare è Joris Lissens, del gruppo “The Vendettas” che, alla tv olandese Rtl, avrebbe denunciato che “Zitti e Buoni” ricorda il suo brano, del 1992, “You want it, you’ve got it“. Lissen ha avuto “subito l’impressione di sentire un riff della band”, ma ha anche ridimensionato le accuse spiegando che non intraprenderà alcuna azione contro i Måneskin. “Naturalmente questi ragazzi non erano ancora nati quando esisteva questa rock band. Ma per dirla con le parole di Måneskin: ‘Il rock and roll non muore mai’”, ha aggiunto Lissens. 

I Måneskin si separano dalla manager Marta Donà

Nel frattempo, a due settimane dalla vittoria all’Eurovision, i Måneskin si sono separati dalla loro manager, Marta Donà. “Abbiamo trascorso 4 anni indimenticabili pieni di sogni da esaudire e progetti realizzati. Io vi ho portato fino a qui”, ha scritto la manager sul suo profilo Instagram e sul profilo Twitter de “LaTarma Management”, annunciando la notizia. “Da adesso avete deciso di proseguire senza di me. Ho il cuore spezzato ma vi auguro il meglio dalla vita ragazzi”, ha aggiunto. Il post è accompagnato da una foto dell’abbraccio con i Måneskin, subito dopo la proclamazione del trionfo all’Eurovision.

måneskin

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata