L'attrice non accetta la sentenza del giudice che ha optato per la cura condivisa con Brad Pitt

Angelina Jolie non si dà pace. Non accetterà mai la sentenza del giudice della California che, nell’ambito della causa di divorzio da Brad Pitt, ha riconosciuto all’attore l’affidamento condiviso dei 5 figli ancora minorenni. La diva di ‘Tomb Rider‘ ha quindi promesso una nuova battaglia legale per fare in modo che i ragazzi siano sotto la sua tutela esclusiva.
 
Angelina Jolie

Angelina Jolie sul red carpet


Secondo quanto riportato dalla stampa americana, l’attrice sarebbe rimasta “profondamente delusa” da questa sentenza e sentirebbe che la sua battaglia legale sia “lontana dall’essere finita”. Perché lei non accetta che sia anche Brad Pitt, accusato di violenza domestica in seguito ad alcuni episodi, a prendersi cura di Pax, 17 anni, Zahara, 16, Shiloh, 15, e i gemelli Knox e Vivienne, 12. Il primo figlio, Maddox, ha 19 anni e quindi resta fuori dalla contesa.

La battaglia di Angelina Jolie

È stata una fonte vicina ad Angelina Jolie a dire: “Non lo perdonerà mai”, riferendosi all’ex marito. “Sostiene che non sia finita e crede ancora che la giustizia alla fine prevarrà”. La stessa fonte ha anche affermato che la star di ‘Maleficent’ darà “tutto ciò che ha” per impugnare la decisione presa dal tribunale.
 
La Corte ha stabilito che Brad Pitt e Angelina Jolie avranno l’affidamento condiviso di tutti i loro figli a eccezione di Maddox, che non è più minorenne. L’attrice sarebbe molto scontenta anche perché il giudice si sarebbe rifiutato di sentire i ragazzi minorenni in qualità di testimoni. L’unico a parlare in aula sarebbe stato quindi Maddox.
 
A quanto sembra, Angelina Jolie accusa il suo ex marito di non essersi preso “cura della sua famiglia”. Secondo la star, la Corte non ha quindi preso “in considerazione l’intera serie di problemi che riguardano la sua famiglia”. Insomma, i suoi bambini non sarebbero stati adeguatamente protetti. Per questo la battaglia di Angelina è solo all’inizio.
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata