La conduttrice, mamma di Carlotta, ha confessato di desiderare un altro bebè

Eleonora Daniele ha appena festeggiato il battesimo di sua figlia, Carlotta. Adesso rivela di essere pronta per diventare mamma una seconda volta. La conduttrice, 44 anni, sogna di mettere al mondo un altro bebè con il marito Giulio Tassoni. È stata lei stessa a confermarlo nel corso di un’intervista concessa al settimanale Oggi: “Lo desideriamo, è nei pensieri. Io sono grandicella, ma il ginecologo dice che sto bene. Deve arrivare entro il 2022, però: dopo i 45, chiudo bottega”, ha spiegato scherzando.

Eleonora-Daniele

Eleonora Daniele al Festival di Sanremo


Eleonora Daniele sembra insomma convintissima della seconda maternità e della scelta di donare un fratellino o una sorellina alla piccola Carlotta. Del resto, la conduttrice ci ha messo un po’ prima di decidere di mettere su famiglia. È stata la scomparsa prematura del suo adorato fratello a cambiare in modo profondo qualcosa dentro di lei: “Prima della morte di Luigi non avevo il senso, l’urgenza, della maternità. Forse perché sono la più piccola di quattro fratelli. Forse il fatto di sentirmi già mamma di Luigi ha inibito il desiderio di avere un figlio. Forse è stata la paura”, ha spiegato.

I timori di Eleonora Daniele 

Eleonora Daniele non ha nascosto di avere paura che il possibile nuovo nascituro possa soffrire di autismo. Un timore che l’ha accompagnata anche nel corso della prima gravidanza: “Ci sono alcuni studi che dicono che l’autismo potrebbe avere basi genetiche. Io avrei accettato qualunque cosa, perché ogni creatura è un dono del Cielo, ma temevo che non sarei riuscita a combattere con la stessa forza e lo stesso coraggio che ho speso nella mia battaglia per Luigi. Non ho voluto fare l’amniocentesi, mi sono detta che il Signore avrebbe deciso per me. E da Lassù qualcuno ci ha aiutato: mio fratello; Emanuela, la mamma di mio marito; padre Pio: Carlotta è nata il suo stesso giorno, il 25 maggio. La vita sa anche premiarti, non ti dà solo dolore”, ha aggiunto.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata