La nuotatrice azzurra si è lasciata trasportare in hotel con una performance tra sexy e divertente

Federica Pellegrini non si è persa d’animo e sebbene abbia letteralmente sfiorato per soli due centesimi l’oro agli Europei di Budapest, la medaglia d’argento è stata comunque un’incoraggiante conferma in vista delle Olimpiadi di Tokyo. Una soddisfazione non celata, anzi, dimostrata dai teneri abbracci con il suo coach Matteo Giunta prima e da un balletto liberatorio dopo.

“Mamma, sono ancora viva”, ha affermato Federica Pellegrini subito dopo la gara, “Sono soddisfatta, un risultato non scontato. Ero un po’ provata perché con Matteo abbiamo deciso di complicarci la vita e provare più gare ravvicinate”. Dal canto suo l’allenatore, accarezzandole la testa, le ha ricordato: “Sei stata brava”. Un sodalizio sportivo, quello Giunta – Pellegrini, che perdura dal 2014 e che si è successivamente tramutato in un “legame speciale” già da qualche anno, nonostante la coppia non abbia mai ufficializzato alcuna love story.

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Federica Pellegrini (@kikkafede88)

Dopo la gara in Ungheria, però, è arrivato anche il momento di stemperare la tensione: nella camera d’albergo, assieme alle compagne si è esibita in un balletto a metà tra il sexy ed il divertente, con colpo di scena finale. Nel video, sulle note di “Danc/ger”, le nuotatrici improvvisano uno show con tanto di mise sensuale: Federica indossa solo la casacca del pigiama rosa di seta, lasciando nude le gambe, Martina Carraro indossa il pantalone e balla con il reggiseno a vista mentre a riprendere c’è Sara Franceschi. Un momento di euforia più che giustificato, soprattutto dopo i tanti impegni sportivi.

Federica Pellegrini: un lavoro importante per le Olimpiadi

Successivamente, la campionessa azzurra ha così commentato la sua prestazione in vasca: “Ero un po’ provata, perché il quarto 200 m in quattro giorni era complicato da affrontare. Ma era l’ultima occasione per farne tanti ravvicinati, come a Tokyo. Era un rischio, ma sono soddisfatta della mia gara. Non sono ancora veloce, ho cercato quindi una gara con un ritorno alla mia maniera. La medaglia non era così scontata, eravamo tutte vicine. È stata una settimana lunga per me, volevo finire rendendo onore a questa staffetta che ci ha regalato tanto e che sta crescendo a livello internazionale. Come ho trovato le energie? Sto dormendo qualcosa come undici ore a notte per recuperare: ho cercato di dare il massimo”.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata