Le dichiarazioni dell'ex presidente degli Stati Uniti intervistato al Late Late Show

Gli Ufo esistono e la loro esistenza è documentata. Dopo la conferma del Pentagono che ha convalidato l’autenticità di un video della Marina, anche Barack Obama, l’ex presidente degli Stati Uniti, dichiara pubblicamente che gli Ufo “Esistono, non sappiamo cosa siano, hanno traiettorie che non ci spieghiamo”.

Il tema degli Ufo, o Uap ovvero i fenomeni aerei non identificati, è ormai diventato oggetto di dibattito mediatico e popolare negli Stati Uniti. A giugno, infatti, la Nasa e i servizi segreti renderanno pubbliche tutte le informazioni sugli oggetti non identificati. Fenomeni ben documentati, che di certo non possono essere attribuiti all’errore di un essere umano.

L’ex inquilino della Casa Bianca è intervenuto nell’ultima puntata del celebre programma ‘Late Late Show’ provando a rispondere alla domanda che ci assilla da secoli: siamo soli in questo universo? O esistono gli alieni?

Le dichiarazioni di Obama lasciano intendere che siamo ancora lontani dal capire cosa o chi ci osservi dall’alto, ma che sicuramente gli oggetti volanti non identificati sono sopra le nostre teste e si muovono in modo inspiegabile.

Obama ha affrontato l’argomento prima cercando di sdrammatizzare e, scherzando, ha detto ai telespettatori della Cbs: “La verità è che quando sono entrato in carica ho chiesto: ‘Va bene, c’è un laboratorio da qualche parte dove teniamo esemplari di alieni e astronavi?’ La risposta è stata ‘no’”.

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da JEREMY KENYON LOCKYER CORBELL (@jeremycorbell)

Il Pentagono conferma il video degli Ufo

Poi, però, l’ex presidente si è fatto serio affermando che il fenomeno è reale, esiste ed è documentato ed ha precisato: “Ciò che è vero, e su questo punto sono serio, è che ci sono filmati e registrazioni di oggetti nei cieli che non sappiamo esattamente cosa siano. Non possiamo spiegare le loro traiettorie. Non si muovono con uno schema facilmente spiegabile”.

Quindi, rivolto a milioni di spettatori in Usa, e non solo, ha aggiunto: “Penso che la gente prenda sul serio il tentativo di indagare e capire di cosa si tratti. Ma oggi non ho nulla da riferire”.

A destare l’attenzione sul tema è stato un nuovo video girato nel 2019 da un aereo della Marina militare americana. Le immagini mostrano chiaramente un oggetto non identificato che vola poco sopra l’Oceano al largo della costa di San Diego, in California, prima di immergersi nell’acqua. Il filmato è stato divulgato dal documentarista Jeremy Corbell, che lo ha condiviso su Instagram, e il Pentagono ha successivamente confermato la legittimità di foto e video.

Il primo Ufo in Italia risale al 1933

In Italia del fenomeno legato agli Ufo se ne parlava quando ancora non esisteva la definizione di Ufo. Il 13 giugno 1933 a Vergiate, in provincia di Varese, un veicolo non identificato si schiantò nei pressi del Lago Maggiore, al confine tra Piemonte e Lombardia.

Di quell’oggetto non identificato restarono a terra non solo i rottami ma anche i corpi dei due piloti. I resti e i presunti alieni furono portati nei capannoni della Siai-Marchetti a Vergiate, dove rimasero per 12 anni. Dei corpi conservati in formalina, a lungo studiati, si sa che erano alti 1,80, avevano capelli e occhi chiari. Terminata la seconda guerra mondiale, i nostri alleati americani presero in consegna i resti e i corpi alieni, che furono trasportati negli Stati Uniti.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata