Il figlio di David e Victoria è stato immortalato dalla fidanzata con la mano fasciata

Ogni tanto si diletta con la cucina, ma questa volta per Brooklyn Beckham l’hobby culinario si è trasformato in una disavventura. Il primogenito di David e Victoria Beckham si è infatti scottato, così dopo essersi fatto medicare ha postato una foto della sua mano completamente fasciata. A scattare la foto è stata la sua fidanzata, e presto sposa, Nicola Peltz, in una storia pubblicata sulla sua pagina Instagram.

Brooklyn Beckham

Brooklyn Beckham con la mano fasciata

L’immagine mostra chiaramente la mano infortunata, con le dita e il polso avvolte da una benda bianca. Nicola ha anche commentato l’immagine scrivendo: “Lo chef si è bruciato”. Il che conferma come sia stata proprio la passione per i fornelli di Brooklyn a causare l’incidente. Nonostante questo, il 22enne è apparso rilassato e sorridente, segno che l’ustione non è particolarmente grave.

Brooklyn Beckham cuoco

Solo qualche giorno prima, la mamma Victoria aveva postato un’immagine in compagnia di Brooklyn Beckham, mentre era intenta ad abbracciarlo. La stilista, 47 anni, è apparsa come sempre in grandissima forma, con una vestaglia nero e oro, maschera sotto gli occhi e un paio di orecchini di diamanti.

Victoria si è lamentata per la distanza da suo figlio, che passa molto tempo negli Stati Uniti con la bella Nicola. Nella didascalia ha scritto: “Ci manchi”. Mettendo in evidenza ancora una volta quanto sia lei sia suo marito David siano legatissimi ai loro 4 figli.

Proprio in occasione della festa della mamma, Victoria ha condiviso una bella immagine con tutti i suoi figli: Brooklyn, Romeo, 18, Cruz, 16 e Harper, 9. L’ex Spice Girl ha scritto: “Le mamme sono così speciali che veniamo festeggiate due volte. Buona festa della mamma a tutti voi”.

Pochi giorni fa Victoria Beckham ha anche rivelato un altro particolare: a quanto pare Beyoncé si è ispirata proprio alle Spice Girl. “Ho incontrato Beyoncé alcuni anni fa, e lei mi ha detto che sono state le Spice Girls a ispirarla e a farle desiderare di fare ciò che poi ha fatto. Ha aggiunto: Mi hanno reso orgogliosa di essere una ragazza e orgogliosa di essere chi sono”.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata