La giovane parla del suo rapporto controverso con la madre Demi Moore e del disagio a causa della sua immagine

Non è sempre rosa e fiori la vita delle celebrity, e neppure quella dei loro figli. Infatti per Tallulah Willis essere la figlia di Demi Moore, considerata una donna bella e di successo e il confronto con i genitori belli e famosi diventa logorante e faticoso da sopportare. 

La 27enne Tallulah, che presto si sposerà con il fidanzato Dillon Buss, già in passato aveva avuto problemi legati a dipendenze e disturbi alimentari che le hanno provocato notevoli oscillazioni di peso.

Tallulah Willis con i genitori Demi Moore e Bruce Willis da Instagram

Tallulah Willis con i genitori Demi Moore e Bruce Willis su Instagram

In passato, Tallulah Willis ha sofferto molto anche per la separazione dei genitori, arrivando a chiudersi in se stessa. Un anno fa la terzogenita di una delle coppie più chiacchierate e invidiate scriveva sempre sui social: “Non ho parlato con mia madre per quasi 3 anni. Ma poi attraverso l’introspezione ho capito il valore terapeutico del perdono e ho accettato finalmente quanto sia magnetica la sua presenza nella mia vita”.

Ora Tallulah è tornata a confidarsi su Instagram, condividendo con i propri follower il suo malessere e le sue insicurezze Uno sfogo sincero sulla sulla sua poca autostima, sul continuo e inevitabile confronto con la madre e sul suo disagio a causa del suo aspetto mascolino.

Tallulah Willis: Mi sono punita per non essere bella come mia madre

“C’è voluto del tempo per accettarlo”, ha scritto su Instagram Tallulah. “1) L’’invecchiamento è una cosa che sfugge al nostro controllo, il tempo scorre e il viso cambia. 2) Mi sono punita per non essere bella come mia madre. Sin dalla nascita mi hanno detto che ero la copia perfetta di mio padre Bruce Willis e questo mi ha portato a convincermi che non dovevo essere amata a causa del mio aspetto mascolino. Quanto mi sbagliavo!”, ha confessato la giovane su Instagram.

Dichiarazioni che esprimono tutta la sofferenza che Tallulah Willis si è portata dentro per anni.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata