La sorella di Chiara Ferragni ad aprile aveva confessato di soffrire di insulino-resistenza

Valentina Ferragni, la sorella di Chiara Ferragni, dopo aver resa pubblica la sua malattia, si confida su Instagram. La giovane influencer ad aprile, in seguito ad alcune analisi cliniche cui si era sottoposta, aveva confessato di soffrire di insulino-resistenza in una forma più grave del previsto. La patologia le crea molti disagi e problematiche di salute, ma pur confidando le difficoltà che sta vivendo, Valentina lancia un messaggio di speranza.

“La malattia si fa sentire”, ammette sconfortata Valentina Ferragni in una Instagram Stories.
Ma la giovane non si fa avvilire e continua: “Ci sono giorni in cui non vedo miglioramenti nel mio corpo e la mia problematica, l’insulino-resistenza, si fa sentire, sono così orgogliosa di me stessa e di come sto andando avanti ogni giorno a piccoli passi, anche se sono piccoli e possono essere insignificanti, sono sempre in avanti e mai indietro”.

Valentina Ferragni da Instagram

Valentina Ferragni su Instagram

Poi davanti allo specchio la scoperta. Valentina si fotografa e nota la comparsa di alcuni brufoli sul mento.
“Ho smesso la pillola da circa un mesetto per rifare le analisi del sangue e vedere come sono messi i miei ormoni, visto che ho problemi ormonali devo capire come sono messi ora” ha spiegato ai follower Valentina.

Legata all’influencer Luca Vezil, la sorella di Chiara Ferragni, condivide così le sue riflessioni sui social: “Mi sto riempiendo di brufoli sul mento, anche dall’altra parte del viso. So che i brufoli sono causati dagli ormoni e probabilmente è complice anche la mascherina che non fa respirare la pelle”.

Valentina sta affrontando la sua malattia con coraggio e determinazione, grazie anche alla famiglia che non l’ha mai lasciata sola. Le sorelle Ferragni sono molto unite, e condividono tutte le gioie e cercano di superare insieme tutte le difficoltà.

Cos’è l’insulino-resistenza, la malattia di Valentina Ferragni

L’insulino-resistenza è una condizione che si viene a creare quando le cellule dell’organismo presentano una scarsa sensibilità all’insulina: effetto di questo disturbo è che il glucosio non riesce a essere assorbito dalle stesse in risposta all’azione esercitata dall’ormone e rimane a livello ematico.
L’insulina è un ormone prodotto dalle cellule beta del pancreas per favorire il trasporto e l’immagazzinamento del glucosio nelle cellule, dove può essere utilizzato come fonte energetica. Le cause che determinano insulino-resistenza non sono totalmente note.

L’origine della malattia sembra multifattoriale, principalmente riconducibile all’obesità e alla mancanza di esercizio fisico, con coinvolgimento anche di fattori genetici ed etnici. 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata