L'artista napoletano spegne settanta candeline. Musica, teatro, cinema e piccolo schermo gli ambiti dove si è reso protagonista indiscusso nel corso di una lunga e fortunata carriera artistica

Cantante, attore, conduttore televisivo, regista teatrale, showman, doppiatore e ballerino. Massimo Ranieri, al secolo Giovanni Calone, dopo aver festeggiato da poco i cinquant’anni di carriera è arrivato al traguardo dei 70 anni, compiuti oggi, 3 maggio.

Ranieri continua a collezionare grandi successi: ultima sua fatica il disco di inediti e rivisitazioni ‘Qui e adesso’, frutto della collaborazione con il cantante italo-canadese Gino Vannelli, che ha prodotto e curato gli arrangiamenti. 17 i brani contenuti nell’album, tra cui un inedito donato allo stesso Ranieri da Charles Aznavour  pochi anni prima di morire.

Successi come ‘Rose Rosse’, ‘Se bruciasse la città’, ‘Perdere l’amore’ (con cui vinse Sanremo nel 1988), per citare tre dei suoi cavalli di battaglia, rappresentano pietre miliari della musica italiana e lo rendono un artista molto apprezzato dal pubblico che entusiasta continua a seguirlo anche a teatro dove le repliche del recital Sogno e Son desto…500 volte’ hanno sempre fatto il tutto esaurito.

Sono lontanissimi i tempi in cui Massimo Ranieri per raccontare una curiosità che lo riguarda, cantava con lo pseudonimo Gianni Rock, scelto quando aveva appena 13 anni e lasciò il quartiere popolare di Napoli dove era nato  per partire in tournée in America come spalla del cantante Sergio Bruni, dopo essere stato notato dal discografico Gianni Aterrano.

Massimo Ranieri con la figlia Cristiana Calone

Massimo Ranieri con la figlia Cristiana Calone

Massimo Ranieri e la figlia Cristiana Calone

Da sempre molto riservato riguardo la sua vita privata, è noto che Massimo Ranieri ha una figlia, Cristiana Calone, nata nel 1971 dalla relazione con Franca Sebastiani e riconosciuta solo nel 1995 dall’artista, che la presentò poi ufficialmente al pubblico nel corso della trasmissione televisiva Rai ‘Tutte Donne tranne Me’, nel 2007. Ranieri è stato legato sentimentalmente anche all’attrice Barbara Nascimbene e più di recente alla cantante lirica Leyla Martinucci, di 35 anni più giovane di lui.

‘Vent’anni’ di Massimo Ranieri

La mia vita cominciò/Come l’erba come il fiore/E mia madre mi baciò/come fossi il primo amore/Nasce così la vita mia/Come comincia una poesia.

La canzone ‘Vent’anni’, incisa negli anni 70, tra le centinaia che hanno segnato la sfavillante ascesa di Massimo Ranieri (ha venduto oltre 14 milioni di dischi), è indubbiamente un’altra di quelle che merita di essere ricordata. Cantata per la prima volta a ‘Canzonissima’ nel 1970, vinse la kermesse canora raggiungendo il primo posto nella classifica dei 45 giri per 8 settimane.

‘Vent’anni’ è una canzone piena di poesia, dove amore, sogni e avventura si mescolano e anticipano un destino annunciato, quello di un ragazzo innamorato della vita, che sarebbe divenuto una delle stelle più brillanti del firmamento artistico italiano, stella che anche all’estero, dove molti dischi di Ranieri sono stati pubblicati con successo, ci invidiano.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata