L'attore protagonista di 'Buongiorno mamma!' su Canale 5: interpreta un papà di 4 figli, come lo è nella vita

Raoul Bova torna in tv come protagonista di ‘Buongiorno mamma!’, nuova fiction di Canale 5 in onda da mercoledì 21 aprile per sei puntate. La fiction racconta la vicenda di una famiglia che si snoda in un arco temporale di trent’anni, dagli Anni Novanta ad oggi. Nasconde un segreto che si scoprirà alla fine e appassionerà il pubblico.

Raoul Bova

Raoul Bova in Buongiorno mamma! tra Elena Funari e Ginevra Francesconi

Raoul Bova in tv: da venticinquenne a uomo maturo

Il protagonista Guido, appunto interpretato da Raoul Bova, appare in tv venticinquenne, capelli neri e quelli occhi color cielo dell’attore, poi lo si vede cresciuto, coi baffi, poi ancora più maturo, barba e baffi, e anche in versione sale e pepe il pensiero è sempre lo stesso: “Ma quanto è bello”. Raoul Bova è irresistibile, a qualunque età.

Raoul Bova papà di quattro figli in tv e nella vita

Nella fiction Guido- Bova è legato ad Anna, che ha il volto di Maria Chiara Giannetta. Ed è papà di quattro figli: Francesca (interpretata da Elena Funari), Jacopo (Matteo Oscar Giuggioli), Sole (Ginevra Francesconi) e il piccolo Michele (Marco Valerio Bartocci).

Festa del cinema, Red Carpet di Calabria, terra mia

Raoul Bova e Rocío Muñoz Morales

Il bello è che anche nella vita reale Bova è padre di quattro figli: due maschi, avuti con l’ex moglie Chiara Giordano, figlia del noto avvocato matrimonialista Annamaria Bernardini de Pace. Due ragazzi oramai grandi, Alessandro Leon di 21 anni, e Francesco di 19. Poi è papà di altre due figlie avute con l’attuale compagna, Rocìò Munoz Morales: Luna, di 5 anni, e Alma di 2. (Clicca qui per Instagram di Bova) 

Per un momento, Bova papà di otto figli!

Per interpretare Guido Bova ha messo qualcosa del sé stesso reale? Sì, lo ha spiegato a ‘Tv Sorrisi e canzoni’: “Io e Guido abbiamo tante cose in comune. La gestualità, il modo di muoversi, il modo di prendere il più piccolo in braccio, di giocarci, fare le vocine, sono cose che mi sono venute in modo automatico perché le uso quotidianamente con le mie figlie più piccole. Poi i miei figli hanno caratteri diversi da quelli della sceneggiatura. Ma nell’interpretazione ho preso spunto anche dalla vita reale. È come se durante le riprese avessi avuto otto figli!”.

 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata