Scontro a distanza su lockdown e 'delazione'. Con lieto fine ma non sui social

Enrico Ruggeri e Alessandro Gassmann si sono rincorsi sui social

Il primo non le manda a dire e accusa il secondo di comportarsi come un ‘Delatore nella Germania dell’Est’ perché denuncia gli assembramenti in casa del vicino. Il tutto su Twitter.

Nei giorni scorsi l’attore ha postato sul suo profilo Twitter un post in cui raccontava di aver denunciato alle Forze dell’Ordine un suo vicino di casa intento a fare una festa con alcuni amici.

Un tema scottante

Gassmann aveva scritto “Sai quelle cose di condominio quando senti in casa del tuo vicino, inequivocabilmente il frastuono di un party con decine di ragazzi?… Hai due possibilità: chiamare la polizia e rovinarti i rapporti con il vicino, ignorare e sopportare, scendere e suonare…”.

Un ‘cinguettio’ che ha scatenato i follower, alzando una questione non da poco. Ed ecco che tra i tanti commenti arriva anche quelle del cantante, che non ha gradito e ha così commentato:

“Grande attore e regista…con un po’ di nostalgia per i tempi andati della Germania Est“, scrive Ruggeri. 

E a quel punto la bagarre tra i sostenitori dell’uno contro l’altro non si è fatta attendere.

Cinguettio opportuno?

Sono fioccati inevitabili e deprecabili allo stesso tempo gli insulti e minacce rivolti a Gassmann che ha risposto con tono garbato, ma fermo nelle sue convinzioni:

“Dire quello che si pensa e chiedere il rispetto delle regole, dopo quasi un anno e mezzo di pandemia, viene da una parte consistente vissuto con reazioni di violenza, insulti e minacce. Grazie a chi, anche se in disaccordo, ha voglia di confrontarsi”.

“Mi dispiace per le polemiche, e anche per gli insulti e le minacce che ho ricevuto. Un anno e mezzo di pandemia ha esacerbato gli animi portando ad una rabbia diffusa.

Mi dispiace soprattutto per mia moglie, (Sabrina Knaflitz, con cui è sposato dal 1998 ndr) che è spaventata e ringrazio chi invece mi sta mandando bellissimi messaggi”, ha sottolineato Gassmann. 

Poi le mezze scuse dell’amico Ruggeri, anche dalle pagine di un quotidiano: il tema resta ma il dibattito sui social diventa sempre caciara. “Spero di poter cenare presto con Alessandro e farci battute di qualunque genere”

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata