Zimbabwe, l'arresto dell'oppositrice durante la diretta Facebook

Tra le decine di persone fermate anche la portavoce del partito Movimento per il cambiamento democratico

(LaPresse) C'è anche la portavoce del partito di opposizione Movimento per il cambiamento democratico, Fadzayi Magere, tra le decine di persone arrestate venerdì dalla polizia in Zimbabwe. La donna ha trasmesso in diretta Facebook il momento in cui gli agenti sono arrivati per fermarla. Insieme a lei sono finiti in manette decine di altri manifestanti pronti a scendere in piazza contro il governo, accusato di corruzione. Le proteste erano state vietate dall'esecutivo formalmente per motivi legati alla pandemia. Una settimana fa erano stati arrestati anche un noto giornalista investigativo e il leader dell'opposizione Jacob Ngarivhume. Nel Paese africano la tensione sociale è alle stelle, anche a causa di una grave crisi economica. L'inflazione è superiore al 700%, la seconda più alta al mondo e ora il coronavirus grava sul sistema sanitario logoro.