Yemen, media: Premier uscito dal palazzo presidenziale, è al sicuro

Sanaa (Yemen), 21 gen. (LaPresse) - Il premier dello Yemen, Khaled Bahah, è in fuga. Ha lasciato il palazzo presidenziale di Sanaa e si trova ora in un luogo sicuro, secondo l'emittente al-Arabya. I miliziani Houthi avevano circondato il palazzo ieri, nel corso di scontri con l'esercito nella capitale.

Oggi i ribelli hanno sostituito le guardie davanti alla residenza privata del presidente. I posti di guardia erano rimasti inizialmente vuoti, ma successivamente alcune guardie sono tornate e hanno potuto assumere nuovamente le loro posizioni.

Dopo gli scontri di ieri nell'ufficio e nella casa del presidente il leader degli Houthi, Abdel-Malek al-Houthi, ha minacciato in un discorso nella notte di adottare ulteriori "misure" se Hadi non si piegherà alle sue richieste di riforme costituzionali che aumenterebbero i poteri del gruppo sciita. "Tutte le opzioni - ha dichiarato al-Houthi nel discorso trasmesso in diretta dalla tv - sono aperte, senza eccezioni, e il tetto è molto, molto alto. E per questo consigliamo al presidente di applicare questo accordo. È per il suo beneficio e per il beneficio del suo popolo".

Intanto le autorità yemenite hanno chiuso tutte le vie d'ingresso nel porto meridionale di Aden a seguito degli scontri nella capitale. Il comitato di sicurezza locale ha fatto sapere di aver chiuso l'aeroporto, il porto e tutti gli ingressi via terra nella città. Le misure, ha precisato il comitato, sono state adottate a seguito del "colpo di Stato aggressivo contro il presidente e il processo politico" da parte dei ribelli sciiti Houthi.

Fonte Reuters - Traduzione LaPresse

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata