Via libera a relocation, richiedenti asilo ridistribuiti tra Paesi Ue
Il meccanismo approvato dalla Corte europea è proporzionato. L'Ungheria: "Inaccettabile"

La Corte di Giustizia dell'Unione Europea ha bocciato i ricorsi di Slovacchia e Ungheria contro il piano Ue di relocation dei migranti da Italia e Grecia. Arriva così il via libera alla redistribuzione dei richiedenti asilo nei Paesi Ue. "Il meccanismo contribuisce a far sì che Italia e Grecia possano affrontare l'impatto della crisi migratoria, ed è proporzionato", ha dichiarato la corte con sede a Lussemburgo. Il piano prevede il ricollocamento di 160mila persone, 25mila delle quali già trasferite.

"Il governo dell'Ungheria considera scioccante e inaccettabile la decisione di oggi della Corte di giustizia europea", afferma il ministro degli Esteri ungherese, Peter Szijjarto. "Questa decisione mette a rischio la sicurezza e il futuro di tutta l'Europa".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata