Venezuela, Maduro vince in 196 Comuni ma perde nella città di Chavez

Caracas (Venezuela), 9 dic. (LaPresse/AP) - In Venezuela il partito socialista del presidente Nicolas Maduro ha vinto le elezioni amministrative di ieri in 196 delle 335 città in cui si è votato. È quanto emerge dai risultati parziali, resi noti dal Consiglio elettorale nazionale. Per Maduro si tratta del primo test elettorale dopo le elezioni di aprile, giunte a seguito della morte di Hugo Chavez, in cui ha battuto il candidato dell'opposizione Henrique Capriles. Il risultato di ieri non è positivo per il presidente, visto che le due città più grandi del Paese, cioè Caracas e Maracaibo, sono rimaste all'opposizione, che ha inoltre conquistato almeno altre quattro capitali statali precedentemente in mano al governo. L'opposizione, che alle elezioni del 2008 aveva vinto in 46 municipalità, ha conquistato la maggioranza in 54 Comuni, mentre i candidati indipendenti hanno ottenuto la vittoria in otto città. La vittoria più importante per l'opposizione è quella di Barinas, la città natale dell'ex presidente Hugo Chavez e base politica del fratello Adan, governatore dello Stato.

I risultati sono invece ancora incerti in 78 municipalità. Nonostante il terreno perso, il presidente Maduro ha tenuto un discorso trionfante nella tarda serata di ieri, dedicando la vittoria a Chavez e promettendo nuove misure a tutela dei poveri nei prossimi giorni, fra cui iniziative per tenere bassi i prezzi dei generi alimentari. "La rivoluzione bolivariana continua ora con maggior vigore", ha detto Maduro a centinaia di sostenitori a una manifestazione a Caracas in cui è stata celebrata una "grande vittoria". Le elezioni si sono tenute in un clima di relativa calma, con disturbi sporadici e isolati atti di violenza. L'affluenza è stata del 58%, alta per un voto municipale.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata