Venezuela, Maduro parte oggi per Cuba: andrà a trovare Chavez

Caracas (Venezuela), 11 gen. (LaPresse/AP) - Il vice presidente del Venezuela, Nicolas Maduro, ha annunciato che si recherà di nuovo a Cuba per fare visita al presidente Hugo Chavez e alla sua famiglia. Parlando in televisione, Maduro ha detto che partirà oggi e che incontrerà anche il team medico di Chavez. Il vice di Chavez ha annunciato anche che a Cuba incontrerà la presidentessa dell'Argentina Cristina Fernandez, anche lei in visita a L'Avana, e che spera di incontrare il presidente del Perù Ollanta Humala, che è arrivato oggi nella capitale cubana.

A CUBA ANCHE PRESIDENTI ARGENTINA E PERU'. Le autorità argentine hanno definito quella della Fernandez una visita privata e la presidenta non ha rilasciato dichiarazioni al suo arrivo all'Hotel Nacional di L'Avana. Il ministro degli Esteri argentino ha fatto sapere ieri che la Fernandez avrebbe dovuto incontrare Chavez. Nessuna conferma invece sulla possibilità di un incontro fra Humala e Chavez. "Naturalmente chiederò, vedrò com'è la situazione del presidente Chavez", ha detto Humala arrivando nell'aeroporto della capitale cubana, aggiungendo il suo augurio a Chavez di una "veloce ripresa". Il presidente venezuelano, durante l'attuale permanenza a Cuba, ha già ricevuto le visite del presidente dell'Ecuador Rafael Correa e di quello della Bolivia Evo Morales.

LE CONDIZIONI DI SALUTE DI CHAVEZ. Chavez, 58 anni, non si vede in pubblico dall'ultimo intervento contro il cancro, subìto l'11 dicembre scorso a Cuba. Il governo ha fatto sapere che a seguito dell'operazione ha riportato una grave infezione polmonare, le cui complicazioni gli hanno portato una insufficienza respiratoria. Da giugno del 2011 è stato sottoposto a diverse operazioni chirurgiche contro il cancro e a diversi cicli di chemioterapia e radioterapia. A ottobre è stato rieletto alla presidenza del Venezuela per un nuovo mandato di sei anni; il giuramento avrebbe dovuto tenersi ieri, ma Chavez non ha potuto partecipare ed è stato dunque rinviato. L'opposizione sostiene che il rinvio sia incostituzionale e chiede di andare a nuove elezioni. Ieri, nel giorno della mancata cerimonia di insediamento, a Casacas decine di migliaia di persone sono scese in piazza a sostegno di Chavez nei pressi del palazzo di Miraflores. Il corteo era stato organizzato dal governo e tra i presenti c'erano anche alcuni leader internazionali, tra cui il presidente dell'Uruguay Jose Mujica, quello della Bolivia Evo Morales e il presidente del Nicaragua Daniel Ortega.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata