Venezuela, compagnia aereo scomparso: Non avevamo permesso di volo

Caracas (Venezuela), 12 gen. (LaPresse/AP) - La compagnia Transaéreo 5074, proprietaria del bimotore su cui viaggiavano Vittorio Missoni, la sua compagna e altri due turisti italiani, scomparso il 4 gennaio al largo di Los Roques, non aveva la certificazione per volare emessa dall'Inac, l'Istituto nazionale di aeronautica del Venezuela. A rivelarlo ad Associated Press, è stato il presidente della stessa compagnia, Asdrúbal Remigio Bermúdez, il quale ha però sottolineato che sia aeromobile che equipaggio rispettavano i requisiti di sicurezza. Le ricerche dell'aereo intanto continuano. E oggi, il sito del quotidiano locale Panorama, fa sapere che un funzionario dell'Inac conferma la notizia. L'azienda, spiega l'ufficiale, "aveva iniziato il processo di certificazione", previsto dall'autorità venezuelana di regolamentazione. La Transaéreo 5074, aggiunge, "ancora non ha il certificato perché il processo non è terminato. Questo significa che la compagnia non è certificata per svolgere il servizio di trasporto aereo".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata