Valeria tra morti Bataclan. Madre: Era meravigliosa. Mattarella: Mano barbara

Parigi (Francia), 15 nov. (LaPresse) - Valeria Solesin è morta, è arrivata la triste conferma. Il cadavere della 28enne veneziana è stato identificato oggi dall'ambasciatore italiano Giandomenico Magliano all'obitorio di place Mazas di Parigi. Con lui anche il console italiano a Parigi, Andrea Cavallari, che ha spiegato che "non risultano al momento altri italiani morti, anche se i controlli continuano. C'è invece un'italiana ferita, si chaiama Laura Apolloni, ed è in questo momento ricoverata ma in buone condizioni". Il console ha poi spiegato che è stata concessa una deroga eccezionale affinchè il riconoscimento del cadavere fosse effettuato da lui e dall'ambasciatore e non dai familiari. Presente all'obitorio, ma non h assistito al riconoscimento, anche il fidanzato della giovane.

DOTTORANDA ALLA SORBONA. Valeria, originaria di Venezia, stava svolgendo un dottorato alla Sorbonne di Parigi, presso il Centre de Recherche de l'Institut de Démographie de l'Université de Paris (l'immagine qui sotto è tratta dal sito dell'università). Venerdì sera si trovava al teatro Bataclan con il fidanzato, Andrea Ravagnan, la sorella di lui (entrambi di Dro, Trento) e il compagno di quest'ultima.

View post on imgur.com

LA MADRE: ERA MERAVIGLIOSA. "Ciò che mi preme è il ricordo di mia di nostra figlia, era una persona meravigliosa. È l'unica cosa che ci preme, quello che è successo verrà appurato. La porteremo sempre nel cuore, nel suo essere figlia, persona, cittadina, studiosa, potrei parlare delle sue mille sfaccettature. E' stata una persona meravigliosa, ci mancherà molto e mancherà molto al nostro Paese". Così Luciana Milani, in un filmato trasmesso durante la puntata odierna de 'L'Arena' su Rai1, commentando la notizia riguardante la morte della figlia Valeria Solesin, durante gli attacchi terroristici di Parigi.

IL TRAGICO BATACLAN. Valeria viveva a Parigi da sei anni. Questa mattina a diffondere la prima ipotesi di decesso era stato il quotidiano locale Alto Adige affermando che il fidanzato della donna, Andrea, secondo quanto raccontato dalla zia avrebbe chiamato ieri sera a casa a Dro (Trento) dicendo che la morte gli era stata confermata dalle autorità. L'Alto Adige ha ricostruito che venerdì sera Andrea Ravagnani e la sorella Chiara erano al teatro Bataclan per il concerto con gli Eagles of Death Metal i rispettivi fidanzati; Andrea avrebbe raccontato ai genitori di essere stato leggermente ferito a un orecchio da un proiettile sparato dai terroristi, mentre la sorella e il suo fidanzato, originario di Verona, avrebbero riportato lievi escoriazioni. I tre, dopo il blitz delle forze di sicurezza francesi, si sarebbero messi in salvo, mentre si sarebbero invece perse le tracce di Valeria Solesin.

RENZI: CONDOGLIANZE ALLA FAMIGLIA. "Qualche minuto fa ho parlato al telefono offrendo le condoglianze alla famiglia di Valeria Solesin, alla madre Luciana, al padre Alberto e al fratello Dario". Lo ha detto il premier Matteo Renzi parlando a margine dei lavori del G20 in Turchia.

MATTARELLA: VALERIA FIGLIA D'ITALIA ED EUROPA. Valeria Solesin "è stata uccisa da mano barbara, fomentata dal fanatismo e dall'odio contro la nostra civiltà, i suoi valori di democrazia, di libertà e di convivenza". Così il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in un messaggio inviato ai genitori della ragazza veneziana rimasta vittima degli attacchi di Parigi. "Valeria era figlia d'Italia e figlia d'Europa". Ha sottolineato Mattarella: "E' stata uccisa, insieme a tanti altri giovani, perché rappresentava il futuro dell'Europa, il nostro futuro".

CORDOGLIO DEL SINDACO BRUGNARO. "A nome mio personale e di tutta la Città di Venezia esprimo il cordoglio più profondo per la morte di #ValeriaSolesin". Così su Twitter il sindaco di Venezia Luigi Brugnaro.


MESSAGGIO DI GINO STRADA. "Ciao Valeria, grazie. Anche lei tra le vittime del terrorismo che ha sconvolto Parigi. Abbiamo avuto la fortuna di conoscerla e apprezzarla da volontaria di Emergency, prima a Venezia e poi a Trento".

Ciao Valeria, grazie. Anche lei tra le vittime del terrorismo che ha sconvolto Parigi. Abbiamo avuto la fortuna di...

Posted by Gino Strada on Domenica 15 novembre 2015
La fotografia postata sul gruppo Emergency di Trento su Facebook

..eccoci: il nostro gruppo di Trento, qualche anno fa, con VALERIA Solesin :) ..è il nostro modo per pensarla e per sperare..

Posted by Gruppo EmergencyTrento on Sabato 14 novembre 2015

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata