Valanga sull'Everest uccide 12 sherpa. È peggiore incidente mai avvenuto in quota

Katmandu (Nepal), 18 apr. (LaPresse/AP) - Una valanga si è staccata sul monte Everest travolgendo un gruppo di sherpa lungo un percorso usato per arrivare in vetta. Il bilancio è attualmente di 12 morti e tre dispersi, la peggiore tragedia mai avvenuta in quota sulla montagna più alta del mondo. A fornirlo è Krishna Lamsal, del ministero del Turismo del Nepal, aggiungendo che due sherpa rimasti feriti sono stati trasportati in elicottero in ospedale a Katmandu, capitale del Nepal.

La slavina si è abbattuta appena sotto al Campo 2 della montagna alle 6.30 locali, le 2.45 in Italia. Le guide erano uscite presto per fissare le corde che verranno usate da centinaia di alpinisti a partire da maggio, quando le condizioni meteo saranno più favorevoli e diversi scalatori tenteranno la salita verso la vetta. Ang Tshering, dell'Associazione alpinistica nepalese, ha precisato che la valanga si è abbattuta in un'area soprannominata 'campo dei popcorn', che si trova appena sotto il Campo 2 dell'Everest a un'altitudine di 6.400 metri.

Prima della valanga di oggi, il peggiore disastro mai registrato sull'Everest era stata la tempesta di neve dell'11 maggio 1996, che provocò la morte di otto scalatori. Nel 1970 un'altra valanga aveva invece provocato la morte di sei guide.

Nei mesi scorsi il governo del Nepal aveva annunciato l'adozione di numerose misure per migliorare il flusso di alpinisti che ogni anno tenta la scalata, allo scopo di ridurre l'affollamento e accelerare eventuali operazioni di soccorso. Fra queste misure c'è anche il dispiegamento nel campo base situato a 5.300 metri di personale di sicurezza che resterà lì fino a maggio, quando terminerà la stagione primaverile delle arrampicate. Sono oltre 4mila gli alpinisti che hanno raggiunto la vetta dell'Everest dal 1953, quando fu conquistata dal neozelandese Edmund Hillary e dalla sua guida sherpa Tenzing Norgay. Centinaia di altri sono morti nel tentativo di arrivare in cima alla montagna più alta del mondo.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata