Usa, spari nei centri militari: 4 morti, ucciso l'assalitore. Fbi: No legame coi terroristi

Washington (Usa), 17 lug. (LaPresse/Reuters) - Le quattro vittime in una doppia sparatoria in due strutture militari a Chattanooga, nello stato del Tennessee negli Stati Uniti non dovrebbero avere legami con gruppi terroristici. Questa la versione dell'Fbi riguardo all'azione di un 24enne, che ha ucciso quattro Marine prima di essere colpito a morte. L'assalitore è stato identificato come Muhammad Youssef Abdulazeez, che lavorava come guardia di sicurezza nel dipartimento di Opere pubbliche cittadino. Sull'episodio è prontamente intervenuto anche il presidente Barack Obama, che ha promesso sarà fatta luce in fretta e in modo approfondito. Il ragazzo era originario del Kuwait, naturalizzato statunitense, secondo le autorità. Era stato il sindaco della città. poco dopo i fatti, a riferire che le autorità stavano indagano sui fatti come "atto di terrorismo interno". E in serata fonti ufficiali avevano sottolineato che sono in corso verifiche sul fatto che l'assalitore si sia ispirato allo Stato islamico o ad altri gruppi jihadisti.

Fbi: nessun legame coi terroristi. Il Federal Bureau of Investigation esclude per ora legami tra l'autore delle sparatorie a Chattanooga, in Tennessee, e gruppi terroristici internazionali. Lo ha dichiarato un ufficiale dell'agenzia in conferenza stampa. Nei due attacchi contro altrettante strutture militari sono stati uccisi quattro Marine e tre persone sono rimaste ferite. L'assalitore è morto nel secondo attacco. Un'autopsia verificherà la causa della sua morte.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata