Usa, sospetto Dallas avverte: Ho piazzato bombe in città
L'uomo ha detto che "la fine si avvicina" e che molti altri poliziotti saranno feriti o uccisi

Dopo la sparatoria avvenuta nelle proteste di Dallas, un sospettato si è trincerato in un appartamento e ha avvertito di aver piazzato diverse bombe nel palazzo e nel centro della città texana. Lo ha fatto sapere, parlando in conferenza stampa, il capo della polizia locale David Brown, spiegando che sono in corso negoziati con uno dei presunti cecchini che hanno sparato contro 11 agenti, di cui quattro sono morti.

I fatti sono avvenuti nel corso delle proteste contro l'uccisione questa settimana di due uomini afroamericani da parte di poliziotti bianchi. Il sospetto, che ha continuato a sparare contro le forze dell'ordine durante i circa 45 minuti di negoziati, ha detto che "la fine si avvicina" e che molti altri poliziotti saranno feriti o uccisi.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata